FAO :: Sala stampa :: Ultime notizie :: 2006 :: Contro le emergenze…
Contro le emergenze sanitarie la più ampia collaborazione FAO-OIE
Grande apprezzamento di Jacques Diouf per la cooperazione tra le due organizzazioni
Parigi/Roma, 21 maggio 2006 – “La collaborazione tra la FAO e l’OIE è un processo dinamico in costante evoluzione, che si è rafforzata nel tempo mediante il lavoro in comune”, ha dichiarato oggi il Direttore Generale della FAO, Jacques Diouf.

Diouf, intervenendo alla 74ª sessione generale dell’Organizzazione Mondiale per la Salute Animale (OIE), (Parigi 21-26 maggio), ha sottolineato che le due organizzazioni “devono rafforzare sempre più le sinergie” auspicando che esse continuino ad operare insieme in favore dei paesi e delle popolazioni più svantaggiate, per “preservare l’intero pianeta dalle grandi emergenze sanitarie che minacciano gli allevamenti, ma anche gli esseri umani”.

Dopo aver ricordato che “le malattie animali sono all’origine della maggior parte delle crisi alimentari e sanitarie che colpiscono l’uomo”, il Direttore Generale della FAO ha ribadito che “la prevenzione delle malattie va fatta a livello di singolo allevamento”.

“La FAO è convinta che i programmi di prevenzione e di lotta contro le malattie animali siano elementi importanti per lo sviluppo rurale, economico e sociale dei paesi del sud del mondo. Essi contribuiscono anche alla sicurezza del commercio a livello regionale ed internazionale, ed alla protezione degli esseri umani nei confronti delle malattie zoonotiche (trasmissibili dagli animali all’uomo, ndr) e di quelle trasmesse tramite l’alimentazione”.

Diouf ha, poi elogiato l’operato del Servizio di Salute Animale della FAO “che con grande efficacia e competenza ha coordinato gli interventi in campo veterinario, in base alle conoscenze di carattere zootecnico, agli studi socio-economici e politico-istituzionali riuscendo così ad offrire un vantaggio comparato nell’approccio globale alle malattie”.

Globalizzazione di scambi ed investimenti

Facendo riferimento alla globalizzazione degli scambi e degli spostamenti di uomini, animali e beni, il Direttore Generale Diouf ha sottolineato la necessità di maggiori investimenti nella lotta contro le malattie animali, ricordando il rischio crescente di diffusione di virus ed epidemie.

“Nessun paese, sia esso nel nord o nel sud del mondo, è al riparo da queste crisi. Tra questi due mondi vi è dunque una grande convergenza di interessi. La solidarietà nei confronti dei paesi in via di sviluppo, ma anche la protezione dei paesi che non sono stati colpiti da queste malattie epizootiche sono solidi argomenti che giustificano investimenti significativi. E’ così che si potranno combattere più adeguatamente le malattie transfrontaliere laddove esse si sviluppano, vale a dire, nella maggior parte dei casi, nei paesi del sud del mondo”.

Dopo aver definito le malattie zoonotiche “una delle più gravi emergenze mondiali” attuali, Diouf ha ricordato le recenti iniziative intraprese dalla FAO in collaborazione con l’OIE per meglio contrastare le malattie animali transfrontaliere. A tale riguardo, ha sottolineato che la crisi dell’influenza aviaria è stata la circostanza che ha permesso di dimostrare la validità di tali iniziative e che ha moltiplicato al tempo stesso le sinergie tra le due organizzazioni.

Per maggiori informazioni:
Pierre Antonios
Ufficio Stampa FAO
pierre.antonios@fao.org
(+39) 06 570 53473
(+39) 348 25 23807

Per maggiori informazioni:

Pierre Antonios
Ufficio Stampa FAO
pierre.antonios@fao.org
(+39) 06 570 53473
(+39) 348 252 3807

invia quest’articolo
Contro le emergenze sanitarie la più ampia collaborazione FAO-OIE
Grande apprezzamento di Jacques Diouf per la cooperazione tra le due organizzazioni
21 maggio 2006 – “La collaborazione tra la FAO e l’OIE è un processo dinamico in costante evoluzione”, ha dichiarato il Direttore Generale della FAO, Jacques Diouf.
Inserire un indirizzo di email.
Inserire un indirizzo di email valido.
RSS