FAO :: Sala stampa :: Ultime notizie :: 2006 :: Eredità del passato…
Eredità del passato, passaporto per il futuro
I sistemi agricoli tramandati nei secoli sono un patrimonio da tutelare
Roma, 19 ottobre 2006 - Molti dei sistemi agricoli tradizionali, tramandati di generazione in generazione, continuano a rappresentare per milioni di comunità rurali di tutto il mondo la sicurezza alimentare. Questi sistemi, che hanno contribuito a mantenere la biodiversità e garantire così la sopravvivenza del pianeta, rischiano però di scomparire a causa di fenomeni quali il cambiamento climatico, l’esodo rurale e la crescente urbanizzazione.

La tutela e l’uso sostenibile di questo retaggio unico sarà il tema centrale di un forum internazionale ospitato dalla FAO dal 24 al 26 ottobre. Rappresentanti di governi, mondo accademico e agricoltori provenienti da tutto il mondo condivideranno conoscenza ed esperienze su come preservare i sistemi agricoli tradizionali. Il forum proporrà anche misure concrete per il riconoscimento internazionale e la tutela di questo patrimonio di interesse mondiale.

“Per migliaia di anni, le società umane hanno interagito con l’ambiente nel quale vivevano per sopravvivere, sviluppando ingegnosi sistemi di coltivazione, superando condizioni climatiche avverse, isolamento geografico e scarsità di risorse naturali” spiega Parviz Koohafkan, Direttore della Divisione Sviluppo Rurale della FAO ed organizzatore del forum internazionale.

A rischio un’insostituibile biodiversità

Per rafforzare il legame tra patrimonio culturale e patrimonio agricolo, la FAO ha lanciato nel 2002 l’iniziativa “Sistemi Ingegnosi del Patrimonio Agricolo Mondiale” (SIPAM), un programma mondiale per la tutela e la gestione dinamica di sistemi agricoli tramandati nei secoli, con il sostegno del Fondo Mondiale per l’Ambiente, dell’UNDP e dell’UNESCO.

“Una delle caratteristiche salienti dei siti SIPAM è l’alto livello di biodiversità agricola locale che ospitano: almeno 177 varietà diverse di patate esistono nel sito di Lares in Perù; circa 20 varietà di riso nel sito cinese ed oltre 100 varietà di dattero nelle oasi algerine”, ha detto José Esquinas-Alcázar, Segretario del Trattato internazionale sulle risorse fitogenetiche per l’alimentazione e l’agricoltura.

"Ma queste preziose risorse potrebbero facilmente scomparire se i custodi di questo patrimonio abbandonano le loro comunità per mancanza di mezzi di sussistenza”, ha continuato Esquinas-Alcázar.

Questa sembra essere la situazione in molte oasi maghrebine, secondo Noureddine Nasr, Coordinatore del sistema pilota SIPAM in Tunisia. “Oggi l’acqua raggiunge le Oasi a malapena, a causa dell’accresciuta urbanizzazione e di pratiche irrigue insostenibili”.

“Inoltre la scarsa acqua che arriva non è più gestita dai consigli comunali, ma dai singoli utenti che non coinvolgono la comunità nelle strategie di sviluppo. In conseguenza di ciò, la disintegrazione del tessuto sociale e la mancanza di opportunità economiche stanno portando ad un massiccio abbandono della terra".

Nel corso degli ultimi quattro anni nell’ambito dell’iniziativa SIPAM sono stati lanciati sette progetti pilota di gestione dinamica dei sistemi agricoli Inca nelle Ande peruviane; le Oasi dei paesi del Maghreb; il sistema integrato riso/pesce in Cina; i sistemi terrazzati di coltivazione del riso di Ifugao, nelle Filippine e le isole Chiloe in Cile, uno dei luoghi d’origine della patata.

Dal prossimo anno nell’ambito dell’iniziativa SIPAM verranno avviati nuovi progetti basati sulle conclusioni e deliberazioni del Forum della prossima settimana.

Per maggiori informazioni:
Nuria Felipe Soria
Comunicazione
Divisione Sviluppo Rurale
Dipartimento dello Sviluppo Sostenibile della FAO
nuria.felipesoria@fao.org
(+39)06 570 56047

Per maggiori informazioni:

Nuria Felipe Soria
Divisione Sviluppo Rurale Dipartimento Sviluppo Sostenibile della FAO
nuria.felipesoria@fao.org
(+39) 06 570 56047

UNU/ Luohui Liang

Un ingegnoso sistema integrato riso/pesce nella provincia di Zhejiang, in China, fornisce benefici dal punto di vista ecologico e socio-economico.

invia quest’articolo
Eredità del passato, passaporto per il futuro
I sistemi agricoli tramandati nei secoli sono un patrimonio da tutelare
19 ottobre 2006 - Molti dei sistemi agricoli tradizionali, tramandati di generazione in generazione, continuano a rappresentare per milioni di comunità rurali di tutto il mondo la sicurezza alimentare. Un foro internazionale ne sottolinea l'importanza per uno sviluppo sostenibile.
Inserire un indirizzo di email.
Inserire un indirizzo di email valido.
RSS