FAO :: Sala stampa :: Ultime notizie :: 2006 :: Corea del sud: sott…
Corea del sud: sotto controllo la produzione aviaria e i volatili selvatici
Esperti del Centro gestione crisi FAO/OIE esaminano il rischio influenza aviaria nel paese
Roma, 19 dicembre 2006 - Un gruppo di lavoro di nove esperti del Centro Gestione Crisi (CMC) congiunto FAO/OIE è in Corea del sud per una missione di dieci giorni. Scopo della missione raccogliere dati epidemiologici nelle zone rurali a sud della capitale Seul, dove di recente si sono verificati tre focolai di influenza aviaria nel pollame domestico.

Su invito del governo coreano ed in stretto coordinamento con il Responsabile Veterinario del ministero della salute del paese, gli esperti del Centro sono stati incaricati di aiutare a fare chiarezza sul possibile rischio che la malattia possa diffondersi tra i volatili nel paese e nella regione, mentre le autorità coreane restano preposte alle attività di controllo e contenimento dei focolai.

Un’equipe multidisciplinare

Fanno parte del team di esperti epidemiologi coreani ed internazionali, veterinari di fauna selvatica, biologi e specialisti di volatili domestici. Presteranno particolare attenzione al rapporto tra produzione aviaria, commercializzazione e volatili selvatici per raccogliere informazioni per comprendere meglio i possibili spostamenti della malattia tra i polli ed i rischi che possa provenire o estendersi ai volatili selvatici.

Il gruppo di esperti prenderà in esame tutte le morti di volatili selvatici avvenute negli allevamenti infetti o in stagni adiacenti, oltre a raccogliere campioni prelevati dall’ambiente circostante che possano portare ad una migliore comprensione dell’emergere della malattia.

Oltre ad una possibile connessione con i volatili selvatici, gli esperti del Centro FAO/OIE indagheranno su molti altri fattori di rischio, come il contatto con volatili malati o morti, con uova e con concime organico, e il possibile ruolo che gabbie, recinzioni, veicoli e specchi d’acqua possono aver avuto nell’originare l’infezione o nel mantenere il virus nell’ambiente naturale. Il team di esperti condurrà le sue indagini in stretto collegamento con tutti i ministeri ed istituzioni coreane pertinenti e con le altre agenzie ONU.

La prima missione del Centro Gestione Crisi

Alla fine della missione, che si prevede si concluderà il 21 dicembre, il gruppo di esperti spera di essere in grado di dare risposte certe ad alcune delle questioni relative ai meccanismi di introduzione e diffusione della malattia, e di offrire lumi circa il pericolo di diffusione della malattia in altri paesi, in una regione già colpita duramente in anni recenti dall’influenza aviaria altamente patogena.

La missione nella Corea del sud è la prima su larga scala, ed a carattere multidisciplinare, organizzata dal Centro Gestione Crisi da quando è stato ufficialmente lanciato, lo scorso 12 ottobre presso la FAO.

Per maggiori informazioni:
John Riddle
Ufficio stampa FAO
john.riddle@fao.org
(+39) 06 570 53259

Per maggiori informazioni:

John Riddle
Ufficio Stampa FAO
john.riddle@fao.org
(+39) 06 570 53259

Ufficio stampa FAO
FAO-Newsroom@fao.org
(+39) 06 570 53625

invia quest’articolo
Corea del sud: sotto controllo la produzione aviaria e i volatili selvatici
Esperti del Centro gestione crisi FAO/OIE esaminano il rischio influenza aviaria nel paese
19 dicembre 2006 - Un team di esperti del Centro Gestione Crisi congiunto FAO/OIE è in Corea del sud per raccogliere dati epidemiologici nelle zone rurali a sud della capitale Seul, dove di recente si sono verificati tre focolai di influenza aviaria nel pollame domestico.
Inserire un indirizzo di email.
Inserire un indirizzo di email valido.
RSS