FAO :: Sala stampa :: Ultime notizie :: 2007 :: Due nuovi pesticidi…
Due nuovi pesticidi nella lista dei “sorvegliati speciali”
Gli esperti segnalano l’endosulfan ed i composti del tributyl tin
Roma, 27 marzo 2007 – Una commissione di esperti internazionali ha proposto l’inclusione di due pesticidi – l’endosulfan ed i composti del tributyl tin - nella Procedura di Previo Consenso Informato (PIC) nell’ambito della Convenzione di Rotterdam, il trattato internazionale istituito per far sì che prodotti chimici e pesticidi rischiosi non mettano a repentaglio la salute umana e l’ambiente.

Ampiamente impiegati nel mondo, in particolare per il cotone, l’endosulfan è stato raccomandato per l’inclusione sulla base del fatto che presenta rischi inaccettabili per coloro che lavorando ne vengono a contatto e per l’ambiente. I composti chimici con Tributyl tin (TBT) usati nelle pitture antivegetative per gli scafi delle navi, destano preoccupazioni perché entrano nell’ambiente marino, specialmente nelle acque chiuse dei porti, dove sono tossici per pesci, molluschi ed altri organismi.

Quando, nel 2008, si riuniranno a Roma per la biennale Conferenza delle Parti della Convenzione di Rotterdam sulla Procedura di Previo Consenso Informato (PIC) per alcuni prodotti chimici e pesticidi rischiosi nel commercio internazionale, i governi dovranno decidere se accettare o meno le linee guide suggerite questa settimana dal Comitato di analisi dei prodotti chimici della Convenzione.

Sono oggi presenti sul mercato circa 70.000 prodotti chimici differenti, e oltre 1.500 nuovi ne vengono introdotti ogni anno. Questo rende difficile il lavoro di chi è preposto al monitoraggio ed alla gestione di queste sostanze pericolose.

In questo contesto, è difficile per molti paesi monitorare e gestire le sostanze potenzialmente pericolose. Per altro, molti pesticidi che sono stati banditi o il cui uso è stato severamente ristretto nei paesi industrializzati, sono tuttora commercializzati ed impiegati nei paesi in via di sviluppo. Troppo spesso vengono venduti ad agricoltori che non hanno a disposizione le attrezzature e le conoscenze per usarli con sicurezza, con la conseguenza di un gran numero di intossicazioni e di morti. In altri casi si accumulano quantità di pesticidi e sostanze chimiche obsoleti o non volute che poi richiedono ingenti somme di denaro per le operazioni di disinquinamento.

Sostenuta congiuntamente dalla FAO (l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura) e dall’UNEP ( il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente), la Convenzione di Rotterdam fa sì che i paesi membri possano trarre beneficio dall’esperienza e dagli errori degli altri promuovendo la trasparenza e la condivisione delle informazioni circa i potenziali rischi di alcune sostanze per la salute umana e per l’ambiente.

Secondo la Convenzione, qualsiasi forma di commercio dei pesticidi o dei prodotti chimici industriali contenuti nella lista della Procedura di Previo Consenso Informato (PIC) richiede l’accettazione preventiva del paese importatore (vedi la nota a piè pagina con la lista delle attuali 39 sostanze in essa contenute). Questo consente ai paesi in via di sviluppo, in particolare, di decidere quali pesticidi e sostanze chimiche potenzialmente nocive vogliono ricevere ed escludere quelle che non possono gestire con sicurezza.

I paesi esportatori hanno la responsabilità di assicurare che nessuna esportazione lasci il loro territorio quando un paese importatore ha preso la decisione di non accettare una determinata sostanza chimica.

In questo modo la Convenzione aiuta i paesi a migliorare la loro capacità nazionale di gestire le sostanze chimiche, evitare tragedie ambientali e danni irreparabili alla salute umana e minimizzare i costi del disinquinamento. Incoraggia inoltre le industrie chimiche ad identificare e promuovere alternative più sicure.
Per maggiori informazioni:
Michael Williams, UNEP
michael.williams@unep.ch
(+41) 22 917 8242/8196/8244
(+41) 79 409 1528

Nick Nuttall, Portavoce UNEP
nick.nuttall@unep.org
(+254) 2 62 3084
(+254) 733 632755

Erwin Northoff, Ufficio stampa FAO
erwin.northoff@fao.org
(+39) 06 5705 3105
(+39) 348 2523616

(*) La lista della Convenzione comprende i seguenti pesticidi nocivi: 2,4,5-T, aldrin, binapacril, captafol, clordano, clorodimeforme, clorobenzilato, DDT, DNOC ed i suoi sali, 1,2-dibromoetano (EDB), dieldrin, dinoseb, fluoroacetamide, HCH, eptacloro, esaclorobenzene, etilene ossido, etilene dicloride e lindano, composti del mercurio, pentaclorofenolo, più certe formule di methamidophos, parathion metile, monocrotophos, parathion e fosfamidon, toxafene. La Convenzione copre anche undici prodotti chimici industriali: cinque forme di amianto ( actinolite, antofillite, amosite, crocidolite e tremolite), i bifenili polibromurati (PBB), i bifenili policlorurati (PCB), i trifenili policlorurati (PCT), il piombo tetraetile, il piombo tetrametile e il fosfato tris (dibromo-2,3 propil).

Per maggiori informazioni:

Michael Williams
Information Officer, UNEP
michael.williams@unep.ch
(+41) 22 917 8242/8196/8244
(+41) 79 409 1528

Nick Nuttall
Portavoce UNEP
nick.nuttall@unep.org
(+254) 2 62 3084
(+254) 733 632755

Erwin Northoff
Ufficio Stampa FAO
erwin.northoff@fao.org
(+39) 06 570 53105
(+39) 348 25 23 616

invia quest’articolo
Due nuovi pesticidi nella lista dei “sorvegliati speciali”
Gli esperti segnalano l’endosulfan ed i composti del tributyl tin
27 marzo 2007 – Una commissione di esperti internazionali ha proposto l’inclusione di due pesticidi – l’endosulfan ed i composti del tributyl tin - nella Procedura di Previo Consenso Informato (PIC) nell’ambito della Convenzione di Rotterdam.
Inserire un indirizzo di email.
Inserire un indirizzo di email valido.
RSS