FAO :: Sala stampa :: Ultime notizie :: 2007 :: L'impatto del prezz…
L'impatto del prezzo del greggio e dei biocombustibili sui prodotti di base
Politiche commerciali appropriate potrebbero favorire una riduzione della povertà
Roma, 23 aprile 2007 - Ha aperto oggi i lavori la Commissione FAO sui problemi dei prodotti di base (CCP l’acronimo inglese), un organismo intergovernativo dell’agenzia ONU. Nella riunione di tre giorni saranno all’esame dei delegati i recenti sviluppi del mercato dei prodotti agricoli e le relative implicazioni politiche.

I nuovi fattori che influenzano i prezzi dei prodotti

I prezzi di molte derrate hanno di recente registrato un aumento, ma anche se questo è dovuto principalmente a normali leggi di mercato, la FAO avverte che appare sempre più evidente che sono intervenuti una serie di fattori nuovi. Tra questi gli effetti del boom economico di Cina ed India e l'impatto dei prezzi del greggio su quei prodotti agricoli che possono essere impiegati per produrre biocombustibili.

Secondo la FAO, nonostante i recenti aumenti dei prezzi, il trend di lungo termine continua ad essere al ribasso, con fluttuazioni di breve periodo significative.

I negoziati sul commercio potrebbero avere effetti positivi

La Commissione discuterà anche dei recenti sviluppi delle politiche commerciali mondiali, in particolare la ripresa del Doha Round, nell’ambito dei negoziati dell’Organizzazione Mondiale del Commercio. L’agenzia ONU ha sottolineato la necessità che nel Doha Round “si introducano strumenti efficaci per dissipare i timori di alcuni paesi in via di sviluppo di avere tutto da perdere da una liberalizzazione ulteriore del commercio mondiale”.

“Una riforma della politica commerciale che punti a creare un sistema di scambi a livello mondiale equo ed orientato verso il mercato, ed a ridurre le barriere commerciali ed i sussidi, che creano un mercato distorto, può dare un contributo positivo al commercio, allo sviluppo ed alla riduzione di fame e povertà”, ha detto il Direttore Generale Aggiunto della FAO David Harcharik nel suo intervento d’apertura. “La Dichiarazione del Millennio dell’ONU si è impegnata a favore di un sistema commerciale aperto, equo, basato sulle regole, prevedibile e non discriminatorio, ed i negoziati multilaterali forniscono la via più promettente per raggiungere questo obiettivo".

La riforma delle politiche commerciale non è una panacea

Tuttavia, come ha sottolineato un recente rapporto della FAO, la riforma del commercio mondiale non è una panacea, ed i benefici di una liberalizzazione del commercio non saranno divisi equamente con i paesi in via di sviluppo, e nemmeno all'interno di uno stesso paese.

La Commissione prenderà in esame la posizione della FAO nei confronti del Doha Round e analizzerà una serie di questioni all’ordine del giorno, in particolare l'andamento di specifici prodotti di base e la necessità di speciali misure di salvaguardia e di aiuti commerciali.

Per maggiori informazioni:
John Riddle
Ufficio stampa FAO john.riddle@fao.org
(+39) 06 570 53259
(+39) 348 257 2921

Per maggiori informazioni:

John Riddle
Ufficio Stampa FAO
john.riddle@fao.org
(+39) 06 570 53259
(+39) 348 257 2921

© FAO/20955/Roberto Faidutti

Il trend di lungo termine dei prezzi dei prodotti di base continua ad essere al ribasso

invia quest’articolo
L'impatto del prezzo del greggio e dei biocombustibili sui prodotti di base
Politiche commerciali appropriate potrebbero favorire una riduzione della povertà
23 aprile 2007 - Ha aperto i lavori la Commissione FAO sui problemi dei prodotti di base. Nella riunione di tre giorni saranno all’esame dei delegati i recenti sviluppi del mercato dei prodotti agricoli e le relative implicazioni politiche.
Inserire un indirizzo di email.
Inserire un indirizzo di email valido.
RSS