FAO :: Sala stampa :: Ultime notizie :: 2007 :: Le locuste potrebbe…
Le locuste potrebbero raggiungere l’India ed il Pakistan
È probabile che gli sciami attraversino l’Oceano Indiano. Situazione ancora preoccupante in Yemen
Roma, 4 luglio 2007 - Sciami di locuste del deserto provenienti dall’Etiopia e dal Nord della Somalia potrebbero attraversare l’Oceano Indiano e raggiungere nei prossimi giorni l’India ed il Pakistan, ha avvertito oggi la FAO, aggiungendo che entrambi i paesi devono tenere sotto stretto monitoraggio questa potenziale minaccia.

Le torrenziali piogge causate dai due recenti cicloni tropicali che si sono abbattuti sul Pakistan e sull’India occidentale hanno creato condizioni di riproduzione insolitamente favorevoli lungo entrambi i versanti della frontiera indo-pakistana e, per la prima volta in molti anni, nelle zone costiere del Pakistan occidentale, che potrebbero durare sino al prossimo ottobre.

Il governo indiano e quello pakistano sono stati messi in allerta e stanno adesso mobilitando squadre sul campo, attrezzature e risorse negli stati indiani del Rajasthan e del Gujarat come nelle aree adiacenti i deserti del Cholistan e del Tharparkar, in Pakistan.

“Le locuste del deserto in genere si spostano seguendo il vento e possono percorrere sino a 100-150 km al giorno”, dice Keith Cressmann, esperto FAO di locuste. “Possono volare senza fermarsi per lunghi periodi di tempo. Hanno attraversato con regolarità il Mar Rosso, una distanza di 300 km". L’attraversamento dell’Oceano Indiano, spinte dai monsoni, è parte del naturale ciclo migratorio delle locuste ed è già accaduto in passato.

Le operazioni d’emergenza in Yemen

Intanto lo Yemen sta lottando contro quella che per il paese è forse la peggiore infestazione di locuste degli ultimi 15 anni. Gli sciami hanno infestato grandi aree remote dell’interno, lungo il margine meridionale dell’immenso deserto Rub‘ al-Khālī "Il quarto vuoto", da Marib sino al confine con l’Oman. Il numero delle locuste è destinato ad aumentare in modo drammatico dal momento che in queste zone è in corso una seconda generazione riproduttiva. La produzione agricola lungo il Wadi Hadhramaut ed in altre zone, come negli altipiani intorno a Sanaa, potrebbero essere a rischio.

La FAO sta approntando una campagna d’emergenza di controllo aereo nell’interno dello Yemen che comincerà entro questo mese. Il costo stimato di 5 milioni di dollari sarà finanziato dal Fondo Centrale per le emergenze delle Nazioni Unite (2,4 milioni di dollari), dal Giappone (2 milioni) e dal governo yemenita. I fondi forniranno due elicotteri, pesticidi, attrezzature, veicoli ed esperti di controllo delle locuste e di logistica.

La campagna inizialmente dovrebbe avere la durata di circa 30 giorni, ma potrebbe essere più lunga, a secondo delle condizioni meteorologiche e degli spostamenti delle locuste e dell’evolversi della situazione. Se la campagna non dovesse avere successo c’è il rischio che si formino numerosi sciami e che il prossimo autunno invadino altri paesi lungo entrambe le coste del Mar Rosso.

Le locuste del deserto sono cavallette migratrici che si spostano spesso in vasti sciami. Una locusta del deserto vive da tre a cinque mesi, ed il suo ciclo vitale comprende tre fasi: uova, stadio cavalletta e d individuo adulto con le ali.
Un esemplare adulto consuma al giorno circa l’equivalente del proprio peso corporeo in vegetazione fresca – vale a dire quasi due grammi. Tuttavia, una piccola parte di uno sciame medio mangia in un giorno lo stesso cibo che mangerebbero 2.500 persone.

Per maggiori informazioni:
Erwin Northoff
Ufficio stampa FAO
erwin.northoff@fao.org
(+39) 06 570 53105
(+39) 348 252 3616

Per maggiori informazioni:

Erwin Northoff
Ufficio Stampa FAO
erwin.northoff@fao.org
(+39) 06 570 53105
(+39) 348 25 23 616

invia quest’articolo
Le locuste potrebbero raggiungere l’India ed il Pakistan
È probabile che gli sciami attraversino l’Oceano Indiano. Situazione ancora preoccupante in Yemen
4 luglio 2007 - Sciami di locuste del deserto provenienti dall’Etiopia e dal Nord della Somalia potrebbero attraversare l’Oceano Indiano e raggiungere nei prossimi giorni l’India ed il Pakistan.
Inserire un indirizzo di email.
Inserire un indirizzo di email valido.
RSS