FAO :: Sala stampa :: Ultime notizie :: 2007 :: I prezzi dei cereal…
I prezzi dei cereali resteranno alti secondo la FAO
Tra le cause clima sfavorevole, scorte ridotte, offerta limitata a fronte di una domanda sostenuta
Londra/Roma, 7 novembre 2007 - I prezzi mondiali dei cereali rimarranno alti per tutto il prossimo anno, soprattutto a causa dei problemi di produzione in molti importanti paesi esportatori e del livello basso delle scorte su scala mondiale, avverte l’ultimo rapporto FAO Food Outlook (Prospettive Alimentari), presentato oggi a Londra.

La FAO prevede per molti paesi un notevole aggravio economico per le importazioni cerealicole, anche se probabilmente il loro volume di importazioni sarà minore.

Costi di spedizione record e prezzi elevati all’esportazione sono le ragioni principali dell’aumento del costo globale delle importazioni.

L’ultima analisi della FAO indica che i prezzi internazionali dei cereali stanno alimentando, in molte parti del mondo, l’inflazione da generi alimentari. “Per la maggior parte dei cereali”, dice il rapporto, “l’offerta è molto più scarsa che negli ultimi anni, mentre la domanda complessiva, sia ad uso alimentare, che foraggiero ed industriale, è in aumento. Le scorte, già scarse all’inizio della stagione, con tutta probabilità continueranno a diminuire, perché la produzione cerealicola mondiale sarà sufficiente solo a soddisfare l’utilizzazione globale prevista”. Il rapporto sostiene che i prezzi delle derrate, che già hanno registrato una brusca impennata nel 2006, in alcuni casi quest’anno saliranno ad un ritmo ancora più rapido.

Secondo Food Outlook il rialzo dei prezzi allo stato attuale dei mercati agricoli interessa non solo alcune limitate derrate, ma coinvolge quasi tutti i principali prodotti alimentari.

I prezzi alti delle produzioni alimentari continueranno a caratterizzare l’intera catena dell’approvvigionamento, contribuendo all’innalzamento dei prezzi al dettaglio di alimenti di base come pane e pasta, carne e latte. Secondo l’analisi della FAO, raramente il mondo ha provato “una tale preoccupazione generalizzata per l’inflazione dei prezzi alimentari, un timore che alimenta il dibattito sull’andamento futuro dei prezzi delle derrate, sia nei paesi importatori che in quelli esportatori, siano essi ricchi o poveri”.

L’impatto crescente dei biocombustibili

Il forte aumento del prezzo del petrolio ha spinto al rialzo i prezzi agricoli, sia perché ha fatto crescere i costi di produzione, sia perché ha fatto aumentare la domanda delle colture impiegate per produrre biocombustibili. Food Outlook mette in guardia che l’effetto combinato di prezzo record del petrolio e di volontà di affrontare le questioni ambientali, potrebbe stimolare nei prossimi anni la domanda di alcune produzioni alimentari, specialmente zucchero, mais, colza, soia, olio di palma ed altre coltivazioni olearie, ma anche dei cereali.

In aumento i costi di spedizione

L’aumento del costo dei carburanti, la capacità di spedizione a pieno regime, la congestione del traffico portuale e l’allungamento delle vie commerciali hanno avuto forti ripercussioni sui costi di spedizione, rendendo le tariffe di trasporto un fattore più determinante per i mercati agricoli di quanto non sia stato in passato. Secondo il rapporto i prezzi record delle spedizioni non solo hanno fatto salire il costo dei trasporti, ma hanno anche cambiato le rotte geografiche del commercio, con molti paesi che adesso ricorrono per le proprie importazioni a fornitori più vicini al fine di risparmiare sui costi di trasporto.

Il fatto che il dollaro abbia perso terreno nei confronti di tutte le principali valute ha attutito il reale impatto dell’aumento dei prezzi mondiali nelle economie esterne all’area dollaro. Tuttavia, tutti quei paesi le cui valute non si sono rafforzate subiranno per intero gli effetti dell’aumento dei prezzi dei prodotti in dollari.

Le previsioni per il prossimo futuro

Secondo il rapporto, tutte le analisi sembrano concordare nella previsione di un aumento delle superfici seminate per il raccolto dell’anno prossimo. Un incremento sostenuto della produzione di grano, con il presupposto che vi sia una crescita normale dei consumi, dovrebbe determinare un calo dei prezzi dei cereali.

Per quanto riguarda gli altri prodotti di base, il prezzo del mais ha raggiunto il massimo storico degli ultimi dieci anni nel febbraio 2007, ma da allora è considerevolmente calato. Le difficoltà dell’offerta di fronte alla domanda sostenuta di biocarburanti hanno innescato l’iniziale impennata dei prezzi del mais. Tuttavia, in conseguenza della massiccia espansione delle semine e delle previsioni di un raccolto record per quest’anno, i prezzi hanno cominciato a diminuire. Anche se in settembre erano ancora superiori del 30 per cento rispetto allo scorso anno.

Anche il prezzo dell’orzo, un altro cereale importante, è di recente aumentato. I problemi legati all’offerta in Australia ed Ucraina, in ragione di una disponibilità più limitata di mais e di altri cereali foraggieri, insieme alla forte domanda di importazioni, hanno contribuito a far raddoppiare, nelle ultime settimane, i prezzi sia dell’orzo foraggiero che di quello da malto.

Tra tutte le derrate, i prodotti caseari hanno registrato gli aumenti maggiori rispetto allo scorso anno, con incrementi che vanno dall’80 ad oltre il 200 per cento.

Gli alti prezzi del foraggio hanno anche contribuito a far aumentare i costi della produzione animale, determinando come conseguenza un incremento dei prezzi del bestiame. Il settore avicolo è quello che ha registrato l’incremento maggiore, con almeno un 10 per cento. La crescita dei consumi e la riduzione graduale delle restrizioni commerciali hanno contribuito ad incentivare i prezzi della carne e del pollame in questa stagione.

Food Outlook contiene anche un capitolo speciale sull’ Anno Internazionale della Patata 2008, che illustra l’importanza di questo alimento adesso diffuso ovunque nel mondo.

Per maggiori informazioni
John Riddle
Addetto stampa Senior
Regno Unito ed Irlanda
john.riddle@fao.org
(+44)(0)7804786942

Per maggiori informazioni:

John Riddle
Addetto stampa Senior Regno Unito ed Irlanda
john.riddle@fao.org
(+44)(0)7804786942

invia quest’articolo
I prezzi dei cereali resteranno alti secondo la FAO
Tra le cause clima sfavorevole, scorte ridotte, offerta limitata a fronte di una domanda sostenuta
7 novembre 2007 - I prezzi mondiali dei cereali rimarranno alti per tutto il prossimo anno, avverte l’ultimo rapporto FAO Food Outlook (Prospettive Alimentari).
Inserire un indirizzo di email.
Inserire un indirizzo di email valido.
RSS