FAO.org

الصفحة الأولى > وسائل الإعلام > مقالات إخبارية
هذا المقال غير مُتاح بالعربية• سيُعاد توجيهكم إلى الإنجليزية•إضغط للإغلاق•

Slow Food e la FAO uniscono le forze

Firmato accordo di collaborazione di tre anni per promuovere piccoli agricoltori e biodiversità

Photo: ©FAO/Sandro Cespoli
Varietá locali di patate in vendita al mercato, Cusco, Peru.
15 maggio 2013, Roma -  La FAO e Slow Food International hanno concordato oggi di sviluppare una serie di azioni congiunte per migliorare i mezzi di sussistenza dei piccoli agricoltori e degli altri lavoratori nelle zone rurali.

Il protocollo d'intesa, firmato oggi presso la FAO, prevede la collaborazione delle due organizzazioni per la promozione di sistemi agricoli e alimentari più inclusivi a livello locale, nazionale e internazionale.

Le azioni congiunte di FAO e Slow Food si concentreranno soprattutto nella creazione di campagne di sensibilizzazione, nel rafforzare le reti locali, regionali e globali e nel promuovere iniziative mondiali come l'Anno Internazionale dell'Agricoltura Familiare nel 2014. I messaggi porranno l'accento sul valore dei cibi locali e delle varietà di cereali sotto-utilizzate promuovendo allo stesso tempo l'accesso ai mercati da parte dei piccoli produttori, la salvaguardia e la valorizzazione della biodiversità, la riduzione degli sprechi alimentari e il miglioramento del benessere degli animali.

Alla firma del documento di collaborazione il Direttore Generale della FAO, José Graziano da Silva, ha detto: "Slow Food e la FAO condividono la stessa visione di un mondo sostenibile, libero dalla fame e che tutela la biodiversità a beneficio delle generazioni future. L'accordo di oggi ci permetterà di mettere in campo una serie importante di iniziative congiunte e ci porta un passo più vicini al mondo che vogliamo".

A nome di Slow Food il Presidente Carlo Petrini ha sottolineato come: "La collaborazione tra FAO e Slow Food nasce dall'unità di intenti nel lavoro di valorizzazione del patrimonio gastronomico tradizionale locale che portiamo avanti da anni in tanti Paesi, basato sulla difesa della biodiversità agroalimentare e sul sostegno agli agricoltori e produttori di piccola scala".

Valorizzare il cibo tradizionale

Le attività previste dall'accordo includono la protezione dei prodotti alimentari tradizionali e la promozione delle tradizioni culinarie  così come del patrimonio culturale delle comunità rurali. Più nello specifico, Slow Food può contribuire alla creazione di inventari di specie di cereali locali, indigene e sotto-utilizzate potenzialmente importanti per la sicurezza alimentare, offrendo, in questo modo, un valido supporto all'impegno della FAO per la rivalutazione e la promozione delle colture sottoutilizzate.

FAO e Slow Food lavoreranno assieme per facilitare l'accesso ai mercati dei piccoli agricoltori attraverso organizzazioni di produttori e cooperative rafforzate. Slow Food può aiutare i piccoli produttori a ottimizzare e accorciare la filiera alimentare, migliorando anche aspetti come la commercializzazione, l'etichettatura e il confezionamento dei prodotti. In questo modo saranno garantiti prezzi equi sia per i produttori che per i consumatori.

Le due organizzazioni promuoveranno il benessere degli animali come elemento essenziale per la valorizzazione dei prodotti animali, e per aumentare gli introiti dei contadini e degli altri attori lungo la filiera alimentare. Il ruolo di Slow Food in questo caso sarà quello di sviluppare e promuovere linee guida specifiche per l'attuazione delle pratiche migliori.

Collaborazione con iniziative della FAO già in corso

La FAO identificherà sinergie e aree di collaborazione all'interno di iniziative già esistenti, includendo possibilmente anche l'iniziativa Hunger-Free Africa che vede la partecipazione dell'Unione Africana, della FAO e del brasiliano Instituto Lula. Obiettivo dell'iniziativa  che é già operativa in quattro progetti in Angola, Etiopia, Malawi e Niger è l'eradicazione della fame dal continente africano.

Un'altra area di possibile collaborazione è il sostegno alle donne rurali attraverso il progetto Dimitra, frutto della partecipazione della FAO, della Commissione Europea e del Belgio. Dimitra è un progetto d'informazione e di comunicazione partecipativa, che aiuta a migliorare la visibilità delle popolazioni rurali, in particolare le donne così che i loro interessi possano essere presi più facilmente in considerazione.

Un'ulteriore possibilità di collaborazione consiste nello sviluppo di kit per il Partenariato Internazionale per l'Educazione delle Popolazioni Rurali (International Education of Rural People Partnership - in inglese)  che mira a rimuovere i vincoli esistenti e a garantire l'istruzione e la formazione professionale per tutte le popolazioni rurali.

Slow Food è un'organizzazione, senza scopo di lucro che opera su base internazionale che si propone di promuovere la qualità del cibo prodotto e distribuito in modo ecologicamente e socialmente sostenibile. Ha più di 100 000 membri in tutto il mondo ed è attiva in 150 paesi. Grazie ai suoi progetti e iniziative, Slow Food coinvolge milioni di persone in tutto il mondo.