FAO.org

الصفحة الأولى > وسائل الإعلام > مقالات إخبارية
هذا المقال غير مُتاح بالعربية• سيُعاد توجيهكم إلى الإنجليزية•إضغط للإغلاق•

La FAO e Eataly, collaborazione a sostegno dell’agricoltura familiare

Alla base dell’accordo il miglioramento della produttività e dell’accesso ai mercati dei piccoli produttori

Photo: ©FAO/FAOnews
Il Direttore Generale della FAO, José Graziano da Silva e Nicola Farinetti, AD di Eataly.
18 ottobre 2013, Roma - Sostenere l'agricoltura familiare migliorandone la produttività e l'accesso ai mercati è fondamentale per la lotta alla fame. Questa l'idea di fondo che ha portato l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO) e Eataly a firmare oggi un memorandum d'intesa per una serie di azioni congiunte nel contesto dell'Anno Internazionale dell'Agricoltura Familiare che si celebrerà nel 2014.

L'accordo, firmato dal Direttore Generale della FAO, José Graziano da Silva, e da Nicola Farinetti, Amministratore Delegato di Eataly, prevede diverse iniziative, tra le quali la mobilitazione congiunta di risorse in appoggio a piccoli produttori in Africa e America Latina. Allo stesso modo, una parte del ricavato ottenuto dalla vendita di alcuni prodotti nei punti vendita di Eataly verranno destinati a progetti della FAO in paesi in via di sviluppo.

L' accordo getta inoltre le basi per attività di sensibilizzazione su temi quali la lotta alla fame e alla povertà, il miglioramento delle condizioni di vita dei piccoli agricoltori, la sostenibilità ambientale e la biodiversità.

"Questo accordo ci permetterà di unire gli sforzi per sostenere l'agricoltura familiare, promuovere la sicurezza alimentare e lo sviluppo sostenibile, massimizzando i vantaggi che la FAO e un partner come Eataly possono offrire". Ha affermato Graziano da Silva, il quale ha concluso sottolineando l'importanza di coinvolgere tutti gli attori, incluso il settore privato, nella lotta contro la fame.

Da parte sua, Nicola Farinetti, ha sottolineato che Eataly e la FAO condividono gli stessi valori e che ciò rappresenta un'opportunità per unire gli sforzi. Farinetti ha affermato che la sua filosofia imprenditoriale si basa sulla promozione della biodiversità, sull'acquisto di merci da piccoli produttori, e sul riconoscimento della qualità dei prodotti legati al proprio luogo di origine.

L'accordo prevede lo sviluppo di attività di comunicazione e sensibilizzazione congiunte, nel quadro dell'Anno Internazionale dell'Agricoltura Familiare che inizia nel 2014. Graziano da Silva ha inviato Nicola Farinetti a partecipare alla cerimonia di apertura che si celebrerà a New York il prossimo 22 novembre, alla presenza del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon.

Scambio di conoscenze e attività didattiche

Eataly e la FAO realizzeranno iniziative di scambio di conoscenze e attività didattiche: esperti della FAO parteciperanno ad attività presso Eataly per promuovere presso consumatori, famiglie e studenti pratiche migliori sulla nutrizione, sull'uso responsabile delle risorse naturali e contro lo spreco di alimenti.

Dopo la firma dell'accordo, Graziano da Silva e Nicola Farinetti hanno piantato un fico d'India come atto simbolico cui hanno assistito anche un gruppo di scolari. In questa occasione il Direttore Generale ha ricordato che nel mondo un bambino su quattro sotto i cinque anni soffre problemi di sviluppo dovuti alla sottoalimentazione.

Eataly è una catena di punti vendita che commercializza prodotti alimentari di alta qualità presente in tutto il mondo. Il suo modello di business si basa sull'approvvigionamento attraverso piccoli produttori seguiendo principi di sostenibilità e di responsabilità sociale.