FAO.org

Home > Sala stampa > News Article

Usare gli antibiotici saggiamente per combatterne la crescente resistenza

Giornata mondiale di sensibilizzazione sugli antibiotici (13-19 novembre 2017)

Photo: ©FAO
Un allevatore di polli in India aggiunge antibiotici all’acqua per i suoi animali per promuoverne la crescita. Una pratica che la FAO scoraggia.
Comunicato stampa congiunto FAO, OIE e OMS

Ginevra/Roma/Parigi 9 novembre 2017 - In occasione della Settimana Mondiale di sensibilizzazione sugli antibiotici (13-19 novembre 2017), la FAO, l'Organizzazione Mondiale per la Salute Animale (OIE) e l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) insieme lanciano un appello per un uso responsabile degli antibiotici negli esseri umani e negli animali, per ridurre l'emergere di una crescente resistenza ad essi.

La resistenza agli antibiotici è salita a livelli pericolosamente elevati in tutte le parti del mondo e minaccia la nostra capacità di trattare comuni malattie infettive. Le infezioni che colpiscono le persone - tra queste la polmonite, la tubercolosi, l'avvelenamento del sangue e la gonorrea - e gli animali stanno diventando sempre più difficili e talvolta impossibili da trattare quando gli antibiotici diventano meno efficaci.

Gli antibiotici sono spesso sovra-prescritti da medici e veterinari e abusati dal pubblico. Dove possono essere acquistati per uso umano o animale senza prescrizione, l'emergere e la diffusione della resistenza ad essi è peggiorata. Esempi di un uso improprio comprendono l'assunzione di antibiotici per infezioni virali come raffreddori e influenza, e il loro impiego come promotori di crescita animale in aziende agricole o nell'acquacoltura.

Per affrontare questi problemi, la FAO, l'OIE e l'OMS stanno facendo leva sulle loro competenze e collaborando con un approccio "One Health" (un'unica salute, umana e animale N.d.T.) volto a promuovere le migliori pratiche per ridurre l'emergere e la diffusione di microbi resistenti agli antibiotici sia negli esseri umani che negli animali.

"La resistenza agli antibiotici è una crisi globale che non possiamo ignorare", ha affermato il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell'OMS. "Se non affrontiamo questa minaccia con azioni forti e coordinate, la resistenza antimicrobica ci riporterà indietro, a quando le persone temevano infezioni comuni e rischiavano la vita a seguito di piccoli interventi chirurgici".

"L'uso eccessivo di antimicrobici ne compromette l'efficacia e dobbiamo ridurne l'uso improprio nei sistemi alimentari", ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale della FAO. "I medicinali veterinari antimicrobici sono uno strumento cruciale per la salute e il benessere degli animali e la produzione di alimenti sicuri, ma non sono affatto l'unico strumento che abbiamo a disposizione".

"Come nella salute umana, la medicina veterinaria ha fatto enormi passi avanti grazie agli antibiotici. La conservazione della loro efficacia e disponibilità attraverso un loro uso responsabile associato a buone pratiche di allevamento e di prevenzione è quindi essenziale per preservare la salute e il benessere degli animali ", ha sottolineato la  dottoressa Monique Eloit, Direttrice Generale dell'OIE.


Evento di lancio

Prima della Settimana mondiale di Sensibilizzazione sugli Antibiotici 2017, i media sono invitati a un dibattito sul progresso e le priorità per combattere la resistenza antimicrobica: Venerdì 10 novembre 2017 - ore 9:00 - 10:00, Sede OMS, Ginevra.
 
Relatori:

Dottor Marc Sprenger, Direttore del Segretariato per la Resistenza Antimicrobica, Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).
Dottor Matthew Stone, Vice Direttore Generale, Scienza e standard Internazionali, Organizzazione Mondiale per la Salute Animale (OIE)
Dottor Hendrick Jan Ormel, Consulente senior per le politiche veterinarie, Organizzazione per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO)


La settimana


Durante la settimana di sensibilizzazione mondiale sugli antibiotici, l'OMS, la FAO e l'OIE si rivolgeranno al pubblico, ai professionisti del settore sanitario, ai governi, agli agricoltori, ai veterinari, all'industria alimentare e di mangimi animali e ad altri attraverso una campagna di social media che utilizzerà materiale infografico, quiz e storie di successo per aumentare la consapevolezza sulla necessità di agire sulla resistenza agli antibiotici e su quali misure si possono prendere.

Il messaggio principale di quest'anno sottolinea l'importanza di ottenere orientamenti da un professionista sanitario o veterinario qualificato prima di utilizzare gli antibiotici per ridurne l'uso eccessivo e garantire che le malattie ottengano il trattamento più appropriato.

Share this page