FAO.org

Home > Sala stampa > News Article

Più che semplice zootecnia: si plasma il futuro del settore

La FAO indica la strada per prodotti animali a basse emissioni di carbonio per sostenere l'alimentazione e i mezzi di sussistenza rurali

Roma/Berlino 20 gennaio 2018- Il settore zootecnico è un pilastro per la sicurezza alimentare e il sostentamento rurale e la comunità internazionale deve collaborare per garantire il suo potenziale contributo allo sviluppo sostenibile, ha dichiarato oggi il Direttore Generale della FAO, Jose Graziano da Silva, intervenendo al 10 ° Forum mondiale per l'alimentazione e l'agricoltura in corso a Berlino.

La FAO stima che oltre la metà dei poveri delle zone rurali del mondo siano piccoli allevatori e pastori. Tra i più poveri tra i poveri, essi dipendono dal bestiame per il proprio sostentamento.
 
Mentre i prodotti animali danno un grande contributo alla nutrizione e alla lotta contro la povertà, comportano anche impatti eccessivi sul clima e sull'ambiente e la salute degli animali è sempre più critica per la salute umana, ha affermato al 10mo Forum Globale per l'alimentazione e l'agricoltura di Berlino.

Bestiame e mezzi di sussistenza

Poiché la domanda di carne e di altri prodotti animali cresce in modo robusto, specialmente nei paesi in via di sviluppo, la questione dell'equità e di una distribuzione efficiente assume un'importanza crescente.
 
Più della metà dei poveri rurali del mondo fanno affidamento sul bestiame e devono essere dotati di competenze, conoscenze e tecnologie adeguate per partecipare e beneficiare di quella crescita piuttosto che "messi da parte espandendo grandi operazioni ad alta intensità di capitale", ha affermato Graziano da Silva.
 
L'aumento del consumo di prodotti animali migliorerà la nutrizione, specialmente quella dei bambini piccoli nei paesi in via di sviluppo, la cui crescita cognitiva e fisica richiede micronutrienti cruciali come lo zinco e il ferro, senza dire che anche il consumo eccessivo comporta rischi. "Dobbiamo concentrarci su diete sane ed equilibrate", ha detto.

Ha poi osservato che fonti alternative di proteine ​​- come pesce e legumi - sono disponibili e dovrebbero essere esplorate.

Abbassare l'impronta di carbonio

Poiché il bestiame genera più gas serra rispetto ad altre fonti alimentari - circa il 14,5% di tutte le emissioni antropogeniche - l'espansione del settore pone sfide alla biodiversità, accesso sostenibile all'acqua e, in particolare, agli obiettivi dell'Accordo di Parigi di limitare il modo in cui stanno aumentando le temperature medie globali.

Tuttavia, "è possibile raggiungere un settore zootecnico a basse emissioni di carbonio", ha detto Graziano da Silva, sottolineando che le stime della FAO potrebbero rapidamente ridursi del 20-30% in tutti i sistemi di produzione adottando pratiche di allevamento note come pascolo rigenerativo, selezione del foraggio e migliore riciclaggio di sostanze nutritive ed energia dai rifiuti animali. Una migliore gestione dei pascoli e la capacità di immagazzinare il carbonio e la salute dei loro terreni è anche essenziale per aumentare la produzione zootecnica e non aver bisogno di ulteriori deforestazioni, ha aggiunto.

"Con pratiche migliori e rispettose del clima, possiamo rapidamente creare catene di approvvigionamento di bestiame più sostenibili e più "verdi ", ha affermato Graziano da Silva. Il quale ha poi esortato a cogliere l'opportunità dopo il vertice sul clima COP23, tenutosi l'anno scorso a Bonn, che ha indicato specificatamente di fare del miglioramento della gestione degli allevamenti una priorità.

La salute animale

Graziano da Silva si è inoltre concentrato sui problemi di salute animale, avvertendo che "l'emergenza di malattie si intensificherà nei prossimi anni, in quanto l'aumento delle temperature favorisce la proliferazione degli insetti".

Le malattie zoonotiche con potenziale pandemico - come alcuni ceppi di influenza aviaria -"rappresentano una grande minaccia per le persone, gli animali e l'ambiente".

La FAO ha una lunga esperienza nell'affrontare le malattie animali transfrontaliere, avendo tra l'altro guidato con successo l'eradicazione della peste bovina e una nuova campagna globale per sradicare la peste dei piccoli ruminanti.

La FAO riconosce anche la necessità di affrontare la resistenza antimicrobica (AMR), una grave minaccia per la salute umana esacerbata dall'abuso, dall'uso eccessivo o non necessario di antibiotici nel bestiame, che a livello mondiale consumano il triplo della quantità di antibiotici utilizzata dagli esseri umani.
 
Il Direttore Generale ha sottolineato che la FAO raccomanda l'immediata cessazione dell'uso di farmaci antimicrobici per promuovere la crescita animale. I farmaci antimicrobici dovrebbero essere utilizzati solo per curare malattie e alleviare sofferenze inutili, ha ricordato Graziano da Silva, mentre si dovrebbe ricorrere al loro uso preventivo solo in gravi circostanze. La FAO sta aiutando molti paesi a sviluppare e attuare piani d'azione nazionali in materia di AMR.

Photo: ©FAO/Lea Plantek
Il Direttore Generale della FAO José Graziano da Silva interviene ad un panel di alto livello a Berlino.

Share this page