FAO.org

Home > Sala stampa > News Article

Agire tempestivamente per prevenire le emergenze umanitarie

Nuove prove dimostrano che gli interventi tempestivi hanno ridotto l’impatto della siccità del 2017 in Kenya, Somalia ed Etiopia.

26 luglio 2018, Roma - Agire tempestivamente in paesi ad alto rischio di disastri naturali può evitare che una minaccia si trasformi in un'emergenza umanitaria, o perlomeno mitigarne l'impatto - questo il messaggio del nuovo rapporto pubblicato oggi dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO).

Per ogni dollaro speso in interventi precoci a sostegno del bestiame in Kenya, Somalia ed Etiopia ad inizio 2017 - mentre i pastori si preparavano per l'ennesima, aspra, siccità - ogni famiglia ha visto benefici per un valore fino a 9 dollari, grazie al ridotto numero di animali morti di fame o malattie, e alla maggiore produzione di latte, fino a tre volte superiore.

I pastori hanno inoltre potuto tutelare il loro futuro, poiché perdere il bestiame avrebbe significato perdere i risparmi di una vita; cosa che avrebbe contribuito ad alimentare una spirale pericolosa di povertà e forte dipendenza da un'assistenza umanitaria di emergenza molto più costosa.

Intervenire tempestivamente mentre i disastri naturali aumentano

Nel Corno d'Africa il meteo è diventato sempre più imprevedibile. Le siccità si susseguono strappando alle comunità povere i loro pochi possedimenti e lasciandole sempre più vulnerabili. Nel mondo i disastri naturali colpiscono con una frequenza quasi cinque volte superiore rispetto a quattro decenni fa.

"Investire in interventi precoci non è solo umano e intelligente, ma anche efficace. Proteggere il bestiame prima che i disastri colpiscano significa maggiore capacità di fare fronte agli shock, e mettere meno pressione alle già risicate risorse umanitarie" ha affermato Dominique Burgeon, Direttore della Divisione Emergenze e Riabilitazione della FAO e del Programma Strategico sulla Resilienza.

"Agire presto è fondamentale e possibile, ed è anche la cosa più responsabile da fare. C'è un'evidenza crescente che prima agiamo, maggiore è la capacità delle comunità di gestire gli shock" ha aggiunto Burgeon.

I benefici di un'azione precoce

All'inizio del 2017, quando le piogge, per l'ennesima volta, non sono arrivate, la FAO si è mobilitata rapidamente in aiuto di migliaia di allevatori a rischio.

L'intervento rapido si è incentrato su: distribuire mangimi altamente nutrienti per i più importanti animali da riproduzione; fornire servizi veterinari per tenere gli animali in vita e in salute; ripristinare i punti di abbeveramento e installare serbatoi d'acqua; fornire formazione ai funzionari governativi su buone pratiche sulla gestione del bestiame e dei loro mercati.

Il risultato è stato che in Kenya, chi ha beneficiato del sostegno della FAO è riuscito a salvare in media due animali in più rispetto a chi non ne ha beneficiato; ogni bambino sotto i cinque anni nel programma ha bevuto in media mezzo litro di latte in più al giorno, che rappresenta un quarto delle calorie giornaliere e il 65 per cento delle proteine necessarie per un bambino di quell'età.

Al picco della siccità, gli allevatori assistiti dalla FAO non solo sopravvivevano, ma erano anche in salute e producevano il triplo della quantità media solita di latte. Le famiglie che hanno ricevuto assistenza hanno fatto sapere che i loro animali erano in condizioni molto migliori.

Per ogni dollaro speso dalla FAO in interventi sul bestiame, ogni famiglia ha avuto un ritorno di 3,5 dollari. Se consideriamo i costi risparmiati per l'assistenza alimentare o per fornire nuovi animali, il ritorno sull'investimento diventa di 9 dollari a famiglia.

Dall'altro lato, i pastori kenioti non assistiti dalla FAO si sono visti costretti a vendere un numero doppio di animali - a un prezzo in forte calo, passato da 80 a 30 dollari -, e hanno dovuto sopprimere quasi il triplo dei capi, per mangiare o per evitare di doverli nutrire.

In Somalia costa circa 40 centesimi di dollaro fornire trattamenti veterinari ad una capra, e 40 dollari comprarne una nuova. Intervenendo per trattare oltre un milione di capi appartenenti a quasi 180.000 persone nelle aree maggiormente colpite del Somaliland e del Puntland, la FAO ha aiutato i pastori a risparmiare circa 40 milioni di dollari, e il latte prodotto è stato sufficiente a nutrire 80.000 madri e bambini vulnerabili.

Queste azioni hanno contribuito a dare il via ad un programma di prevenzione della carestia di larga scala e efficace. In tutto la FAO ha assistito oltre 7 milioni di somali.

In Etiopia, per ogni dollaro investito per proteggere gli oltre 100.000 capi di bestiame appartenenti a 60.000 persone nelle aree maggiormente colpite nella regione dei Somali, ogni pastore ha guadagnato 7 dollari in benefici.

L'intervento della FAO ha aiutato i pastori del Corno d'Africa a proteggere i principali capi di bestiame da riproduzione, che a loro volta hanno permesso di mantenere i bambini in salute e a scuola - un investimento importante per il loro futuro.

Photo: ©FAO/Luis Tato
Vaccinazione di bestiame di pastori Samburu con il sostegno della FAO, Kenya.

Share this page