FAO.org

Home > Sala stampa > News Article

Il pericoloso parassita Lafigma minaccia di diffondersi dall'India ad altre parti dell'Asia, con il Sud Est Asiatico e il Sud della Cina maggiormente a rischio

La FAO offre la sua competenza agli agricoltori e ai governi asiatici sui modi migliori per gestire questo aggressivo parassita

Roma / Bangkok 14 agosto 2018 -  La  Lafigma ( Spodoptera frugiperda), conosciuta anche con il suo nome inglese Fall Armyworm (FAW) potrebbe minacciare la sicurezza alimentare e il sostentamento di milioni di piccoli agricoltori in Asia, poiché è molto probabile che questo aggressivo e vorace insetto si diffonda dall'India, con l'Asia sudorientale e la Cina meridionale maggiormente a rischio, ha avvertito oggi la FAO.

Rilevato di recente in India - la prima volta che è stato trovato in Asia - l'insetto ha la capacità di volare su lunghe distanze (100 km per notte) e devastare i raccolti tutto l'anno, dato il favorevole clima tropicale e subtropicale della regione, che significa che ci sono sempre colture ed erbe di cui l'insetto può nutrirsi.

Il parassita si nutre di mais e di un'ottantina di altre colture, tra cui riso, verdure, arachidi e cotone.

"La Lafigma potrebbe avere un impatto devastante sui produttori di riso e mais in Asia - per lo più piccoli agricoltori che dipendono dalle loro colture per il cibo e per guadagnarsi da vivere", ha dichiarato Kundhavi Kadiresan, Vice Direttore Generale della FAO e Rappresentante Regionale per l'Asia e il Pacifico. "Questa è una minaccia che non possiamo ignorare".

In Asia, dove agricoltori su piccola scala coltivano circa l'80% dei terreni agricoli della regione,

riso e mais sono tra i cereali più prodotti e consumati. Oltre 200 milioni di ettari di mais e riso vengono coltivati ​​annualmente in Asia. La Cina è il secondo paese produttore di mais e oltre il 90% del riso mondiale è prodotto e consumato nella regione Asia-Pacifico.

Originario delle Americhe, la Lafigma si è già diffusa in tutta l'Africa dove è stato scoperto all'inizio del 2016. All'inizio del 2018, tutti tranne 10 Stati africani  (principalmente nel nord del continente) hanno segnalato infestazioni e il parassita ha colpito milioni di ettari di mais e sorgo.

La FAO offre la sua esperienza per una gestione sostenibile del parassita

Data l'esperienza e il ruolo di coordinamento della FAO nella gestione sostenibile del parassita in Africa, la FAO offre la sua competenza alle famiglie e ai governi in Asia che tra non molto dovranno prendere decisioni sui modi migliori per gestire questo pericoloso parassita.

"Gran parte di ciò che la FAO ha già fatto nell'Africa sub-sahariana per aiutare gli agricoltori e i governi a monitorare e attenuare i danni delle infestazioni può essere applicato anche in Asia. Ciò include raccomandazioni sulla gestione dei pesticidi, monitoraggio e preallarme e una guida pratica per gli agricoltori e gli operatori governativi su come gestire al meglio il parassita", ha dichiarato Hans Dreyer, Direttore della Divisione Produzione e protezione delle piante della FAO.

La FAO offre la sua esperienza per aiutare gli agricoltori e gli stati membri in Asia a:

  • Implementare il Sistema di monitoraggio e allarme preventivo del parassita (FAMEWS) per monitorare, analizzare e produrre preallarmi, incluso i rischi per la sicurezza alimentare;
  • Produrre stime accurate delle potenziali perdite dei raccolti, sulla base dei dati di FAMEWS e delle stime di perdita di rendimento dovute al parassita;
  • Fornire consulenza politica e tecnica sulle migliori opzioni di gestione per gli agricoltori, in particolare i piccoli agricoltori, compresa la gestione dei pesticidi;
  • Implementare un programma per l'educazione e la comunicazione degli agricoltori su tutto il continente, basato su guide e materiali di formazione, comprese versioni adattate localmente della Guida alla Scuola sul campo degli agricoltori contro il parassita e altri materiali di orientamento prodotti dalla FAO;
  • Mantenere gli sforzi tecnici di sostegno e coordinamento a livello nazionale, sub-regionale, regionale e globale per continuare a consentire ai paesi membri, alle organizzazioni di agricoltori e ai singoli agricoltori di gestire questo insetto altamente nocivo.

In Africa, la FAO ha preso provvedimenti immediati non appena il parassita è stato scoperto, riunendo esperti per condividere conoscenze ed esperienze sulla gestione sostenibile delle infestazioni; sviluppando strumenti (manuale degli agricoltori, app mobili, una piattaforma web, la FAWRisk-Map) per creare meccanismi di allarme, di monitoraggio e di risposta; e sostenere i paesi a mitigare i danni, sviluppare piani d'azione e politiche, e formare agricoltori e lavoratori agricoli.

Ad oggi, più di 30 progetti sostenuti dalla FAO sono stati lanciati in Africa per combattere il parassita.

Photo: ©FAO/Keith Cressman
Il parassita mentre sgranocchia mais.

Share this page