FAO.org

Home > Sala stampa > News Article

Serve un rinnovato impegno per combattere il lavoro minorile in agricoltura

Nella Giornata Mondiale contro il Lavoro Minorile la FAO richiede maggiore attenzione per lo sfruttamento di minori nelle filiere alimentari

12 giugno 2019, Roma/Bruxelles - La FAO ha esortato i Paesi a prestare maggiore attenzione e a destinare ulteriori risorse finanziarie al problema del lavoro minorile nelle filiere alimentari e nell'agricoltura di sussistenza, dove il lavoro minorile è maggiormente sfruttato.

L'appello è stato lanciato a Bruxelles, dove la FAO ha commemorato la Giornata mondiale contro il lavoro minorile alla conferenza globale "Uniti per porre fine al lavoro minorile in agricoltura", che l'agenzia dell'ONU ha organizzato in collaborazione con la Direzione Generale della Cooperazione Internazionale e dello Sviluppo della Commissione Europea (DEVCO) e con l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO).

Ad oggi quasi tutte le risorse finanziarie dedicate alla lotta al lavoro minorile sono rivolte al coinvolgimento di minori nelle catene di approvvigionamento globali, mentre il lavoro minorile presso produttori di piccola scala rimane ampiamente trascurato, ha segnalato la FAO.

"È giunto il momento di andare oltre l'attenzione esclusiva a determinate filiere globali e di iniziare a investire risorse per affrontare tutte le condizioni di lavoro minorile", ha detto il Direttore Generale della FAO José Graziano da Silva in un videomessaggio per la Giornata Mondiale contro il Lavoro Minorile di quest'anno. "È inoltre fondamentale coinvolgere i lavoratori agricoli e le organizzazioni di produttori".

Graziano da Silva ha anche sottolineato il ruolo cruciale della Partnership internazionale per la cooperazione sul lavoro minorile in agricoltura, fondata dalla ILO, FAO e altri partner. "Solo se restiamo uniti potremo creare un futuro migliore, più sano e più prospero per i nostri figli", ha aggiunto.

Affrontare le cause profonde del lavoro minorile

Dei 152 milioni di bambini sfruttati come lavoro minorile in tutto il mondo, oltre il 70% - pari a 108 milioni di giovani di età compresa tra i 5 ei 17 anni - lavora nell'agricoltura, nell'allevamento di bestiame, nella silvicoltura, nella pesca o nell'acquacoltura.  Il numero di bambini sfruttati come lavoro minorile in agricoltura è aumentato di 10 milioni dal 2012. Inoltre, l'85% del lavoro minorile in Africa è sfruttato nel settore agricolo.

Tra i principali fattori che contribuiscono al lavoro minorile nelle aree rurali troviamo basso reddito familiare e famiglie in stato di povertà, scarse alternative di sostentamento, ridotto accesso all'istruzione e limitata applicazione del diritto del lavoro.

Nelle sue osservazioni, il Direttore Generale della FAO ha aggiunto: "La povertà delle famiglie resta una causa comune del lavoro minorile in agricoltura. In tale contesto i programmi di protezione sociale e le iniziative di alimentazione scolastica rivolte ai piccoli agricoltori si sono rivelati ottimi antidoti contro il lavoro minorile".

Cos'è il lavoro minorile?

Per lavoro minorile si intende il lavoro che non è appropriato per l'età dei minori, gli impedisce di frequentare la scuola dell'obbligo, o li espone a rischi per la salute, la sicurezza o la morale.

In questo contesto, il Direttore Generale della FAO ha sottolineato che non tutto il coinvolgimento dei minori in agricoltura va considerato come lavoro minorile. I più piccoli, per esempio, possono imparare a coltivare le verdure o a dar da mangiare alle galline nella fattoria dei genitori, in modo da apprenderne le relative tecniche, che gli torneranno utili in futuro, ha detto.

"Se però i minori lavorano molte ore al giorno, se fanno lavori pesanti, se svolgono compiti pericolosi, non adeguati alla loro età o che gli impediscono di andare a scuola, ciò va considerato lavoro minorile e va eliminato" ha sottolineato.

Inoltre, se i minori lavorano in campi in cui sono stati applicati pesticidi, restano svegli tutta la notte sui pescherecci, trasportano carichi pesanti o usano seghe nella foresta: sono situazioni che possono interferire con il loro sviluppo fisico e sociale, impedendogli di poter accedere in modo adeguato e produttivo a future opportunità di lavoro.

Incrementare gli sforzi globali per porre fine al lavoro minorile

Il lavoro minorile in agricoltura è un problema globale che sta danneggiando i bambini e il settore agricolo, perpetuando la povertà rurale. Non saremo in grado di soddisfare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile se continuiamo a lasciarci alle spalle questo gruppo sempre crescente di bambini lavoratori in agricoltura, ha sottolineato oggi la FAO. Sono necessari maggiori investimenti e risorse da distribuire per combattere il lavoro minorile in agricoltura.

"Per fare progressi e porre fine al lavoro minorile (OSS 8.7), la comunità internazionale deve raggiungere una condizione che non potrà essere risolta attraverso la svolgimento di pochi programmi e progetti dedicati al lavoro minorile", ha affermato Maximo Torero Cullen, Vicedirettore Generale per lo Sviluppo Economico e Sociale della FAO.

Ha sottolineato la necessità di sviluppare un approccio multisettoriale e trasversale per garantire che politiche, strategie, programmi nazionali e altri programmi su larga scala in agricoltura, sviluppo rurale, istruzione, sanità, sicurezza alimentare, riduzione della povertà, occupazione giovanile, protezione sociale, sviluppo di comunità, infrastrutture e commercio includano misure e componenti specifici per prevenire e mitigare il lavoro minorile.

"Tutti questi settori e aree di lavoro hanno un potenziale concreto per contribuire in modo sostanziale ai progressi per porre fine al lavoro minorile, e sono per lo più intatti", ha aggiunto Torero.     

La conferenza ha riunito istituzioni dell'UE, organizzazioni internazionali, istituzioni governative e non governative, Paesi partner, partner chiave, settore privato, mondo accademico, ricercatori, organizzazioni di operatori agricoli, produttori e organizzazioni di consumatori, che hanno condiviso esperienze e discusso su opportunità concrete per porre fine al lavoro minorile in agricoltura.   

Photo: ©FAO//Riccardo Gangale / FAO
Dei 152 milioni di bambini sfruttati come lavoro minorile in tutto il mondo, oltre il 70% – pari a 108 milioni di giovani di età compresa tra i 5 ei 17 anni – lavora nel settore agricolo.

Share this page