I sistemi alimentari e l'agricoltura tropicale sono punti critici per gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

Incentivare le catene del valore nelle regioni più povere del mondo, dice il Direttore Generale della FAO al Panel di Alto Livello dell'ONU

25 settembre 2019, New York - Trasformare i sistemi alimentari e nutrizionali è fondamentale per raggiungere l'Agenda 2030, ha affermato oggi il Direttore Generale della FAO Qu Dongyu in occasione di un Dialogo tra i Leader sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS) nell'ambito della 74a Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Una delle aree di intervento più urgenti per non lasciare indietro nessuno è quella di perseguire l'eliminazione della povertà e gli investimenti nelle catene del valore nelle regioni più povere del mondo, nelle quali vive la maggior parte degli agricoltori familiari più vulnerabili del pianeta, ha affermato.

È inoltre urgente affrontare le particolari sfide dell'agricoltura tropicale, ha proseguito il Direttore Generale, sottolineando che 113 Stati membri della FAO si trovano a livello dei tropici.

Il Rapporto sullo Sviluppo Sostenibile Globale pubblicato all'inizio del mese ha identificato i sistemi alimentari e i modelli nutrizionali come uno dei sei "punti di ingresso" per garantire le trasformazioni strutturali alla portata e alla velocità adeguate.

"Dobbiamo migliorare la qualità, la quantità e la diversità degli alimenti", ha detto, sottolineando l'importanza delle coltivazioni al di là dei principali prodotti di base come il riso, il grano, il mais e la soia.

I sistemi alimentari hanno numerose possibilità di trasformazione al di là della fase di produzione, ha detto Qu, indicando importanti opportunità nei settori della trasformazione e della commercializzazione per migliorare i proventi e l'inclusione delle donne e dei giovani che vivono in zone rurali. La collaborazione con gli attori del settore privato per mobilitare gli investimenti, la tecnologia digitale, le infrastrutture, l'accesso a nuovi mercati e il know-how generale è fondamentale, così come lo è la collaborazione con i gruppi della società civile per creare uno sviluppo che sia inclusivo e sostenibile. 

Il Direttore Generale ha inoltre ricordato l'iniziativa Hand-in-Hand della FAO, che cerca di massimizzare l'impatto nei paesi più bisognosi di aiuto per poter raggiungere gli OSS 1 e 2 -eliminare povertà estrema e fame - coordinandoli con i paesi sviluppati sotto l'egida delle competenze della FAO in materia di alimentazione e agricoltura

Il Dialogo tra Leader di oggi rientra nel programma del Forum Politico di Alto Livello sullo Sviluppo Sostenibile per Capi di Stato, Governi e principali parti interessate per il riesame dei progressi verso gli OSS.

Photo: ©FAO/Roberto Schmidt
Il Direttore Generale della FAO Qu Donghyu al Panel di Alto Livello dell'ONU.