Nuovo percorso per lo sviluppo dei sistemi alimentari

Il Direttore Generale della FAO chiede di trasformare i sistemi alimentari in acceleratori degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

25 settembre 2019, New York - I sistemi alimentari sono potenti fattori di cambiamento economico, sociale e ambientale, ha affermato oggi il Direttore Generale della FAO Qu Dongyu. Trasformarli in acceleratori degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS) è essenziale per raggiungere diversi obiettivi dell'Agenda 2030, tra cui porre fine alla povertà estrema, affrontare la fame e tutte le forme di malnutrizione, salvaguardare e ripristinare la biodiversità e le risorse naturali mondiali, lottare per costruire la resilienza al cambiamento climatico.

Per farlo, ha sottolineato, dobbiamo dare allo sviluppo dei sistemi alimentari una nuova traiettoria, che lavori con e a favore dell'Agenda 2030 - non contro. 

"Dobbiamo considerare tutti gli aspetti nutrizionali, ambientali, culturali e sociali dei sistemi alimentari, in quanto  devono andare a vantaggio della salute e del benessere delle persone", aggiungendo che il cambiamento deve essere sostenuto dalla volontà politica, dagli investimenti e dall'innovazione, compresa la tecnologia.    

Il Direttore Generale della FAO è intervenuto nel corso dell'evento di alto livello "Countdown 2030: trasformare i nostri sistemi alimentari per raggiungere gli OSS", a margine della 74ª Sessione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Qu ha sottolineato con forza la necessità di trasformare i sistemi alimentari in acceleratori degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Ha inoltre segnalato il rallentamento dei progressi contro la fame e il rapido aumento dei tassi di sovrappeso e obesità, il continuo degrado della base delle risorse naturali da cui dipendono la produzione alimentare e i servizi ecosistemici vitali, la crescente emarginazione delle piccole aziende agricole e a conduzione familiare, che rappresentano oltre 570 milioni di aziende agricole nel mondo, e la crescente vulnerabilità ai fenomeni meteorologici estremi e agli effetti del cambiamento climatico.

Oggi una persona su nove nel mondo soffre la fame, nonostante il mondo produca già cibo sufficiente per tutti. Due adulti su cinque sono in sovrappeso e l'obesità è in aumento in quasi tutti i paesi del mondo.  Per molte persone, migliorare l'alimentazione e la nutrizione è questione di mezzi di sussistenza e di reddito, nonché di accessibilità a cibi nutrienti. 

La crescita prevista sia nella domanda che nell'offerta di cibo è disomogenea tra paesi e regioni. La domanda sarà più forte in Africa e in Asia meridionale - regioni che si prevede saranno le più colpite dal cambiamento climatico.  In questo contesto, il Direttore della FAO ha sottolineato la necessità di migliorare in tutte le regioni gli incentivi per i produttori e le loro capacità di accesso ai mercati, e il ruolo del commercio internazionale nel colmare il divario tra domanda e offerta.  È fondamentale evitare interruzioni e incertezze nel commercio alimentare, ha aggiunto Qu.

L'evento di oggi è stato convocato dalla FAO con il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), il World Food Programme (WFP), il World Economic Forum (WEF), l'Irlanda e il Regno di Norvegia.

Nel suo intervento, il Presidente dell'IFAD, Gilbert F. Houngbo, ha detto: "Abbiamo bisogno di una forte azione collettiva  e di cambiamenti urgenti per trasformare i sistemi alimentari e creare opportunità per i giovani nelle aree rurali.  Il sistema alimentare può essere la soluzione per trasformare la catena del valore del settore agricolo in opportunità di lavoro per i giovani.  Dobbiamo dare nuovi impulsi affinché i sistemi alimentari siano una priorità dell'agenda e che includano tutti". 

Il Direttore Esecutivo del World Food Programme, David Beasley, ha aggiunto: "I sistemi alimentari forniscono le basi per la sicurezza alimentare globale e, con i giusti sistemi in atto, il mondo avrà maggiori opportunità per raggiungere il nostro obiettivo Fame Zero nella prossima Decade di Azione.  Mai come ora siamo messi alla prova da disastri causati dall'uomo e dagli shock climatici, ma con sistemi alimentari efficaci e resilienti, possiamo assistere gli affamati e i vulnerabili".

Photo: ©FAO/
Il Direttore Generale della FAO interviene all’evento di alto livello “Countdown 2030: trasformare i nostri sistemi alimentari per raggiungere gli OSS”.