FAO.org

Home > Sala stampa > News Article

L’Obiettivo del Millennio sulla fame è ancora raggiungibile

La governance della sicurezza alimentare gioca un ruolo cruciale

Foto: ©FAO/Giulio Napolitano
Il Direttore Generale apre la riunione
15 ottobre 2012, Roma - Se le nazioni si impegneranno ad aumentare i loro sforzi per ridurre la fame nel mondo, l'Obiettivo di Sviluppo del Millennio di dimezzare  la proporzione di persone affamate entro il 2015 può ancora essere raggiunto, ha dichiarato oggi il Direttore Generale della FAO José Graziano da Silva alla sessione d'apertura del Commissione sulla Sicurezza Alimentare Mondiale (CFS).

Graziano da Silva ha sottolineato che un enorme progresso è stato fatto nel ridurre il numero delle persone affamate di 132 milioni dal 1990 ad oggi. Inoltre, la percentuale di affamati nei paesi in via di sviluppo è diminuita dal 23.2% al 14.9%.

Tuttavia, ha espresso la sua preoccupazione per il fatto che ancora circa 870 milioni di persone nel mondo soffrano la fame, e che la malnutrizione sia aumentata sia in Africa che in Medio Oriente. A partire dal 2007 i progressi nel ridurre la fame hanno cominciato a stagnare, ha affermato.

"Nel rinnovare e rafforzare il nostro impegno a raggiungere l'Obiettivo del Millennio sulla riduzione della fame, dobbiamo anche guardare oltre ad esso, verso un' eradicazione totale della fame nel mondo, perché quando si parla di fame, l'unico numero accettabile è ‘zero'," ha  dichiarato Graziano Da Silva.

Il CFS è la più inclusiva piattaforma per tutti i soggetti interessati per lavorare insieme e proporre politiche per la promozione della sicurezza alimentare a livello globale. Il CFS è un organo inter-governativo che vede la partecipazione di società civile, settore privato, organizzazioni internazionali e regionali e associazioni filantropiche che si occupano di sicurezza alimentare e nutrizione. Alla sessione di quest'anno è prevista anche la partecipazione di ben 18 Ministri. 

La sfida della "Fame Zero"

Un ulteriore appello alla lotta alla fame è venuto dal Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, che in un video-intervento trasmesso durante la sessione d'apertura si è rivolto alla Commissione affermando che "voi siete alla base del prossimo grande traguardo da raggiungere - eliminare la fame nel mondo nell'arco di questa generazione".

La nostra sfida della "Fame Zero" ha cinque obiettivi:
  • 1. Un mondo in cui tutti abbiano accesso a cibo nutriente durante tutto l'arco dell'anno.
  • 2. Niente più malnutrizione in gravidanza e nella prima infanzia: la fine della tragedia dei ritardi della crescita.
  • 3. Tutti i sistemi alimentari sostenibili, ovunque.
  • 4. Maggiori opportunità per i piccoli agricoltori - e in particolare le donne - responsabili della maggior parte della produzione alimentare mondiale - in modo che siano in grado di raddoppiare la loro produttività e i loro redditi.
  • 5. Riduzione delle perdite di cibo post-produzione, eliminazione degli sprechi alimentari e consumo responsabile.

Investimenti responsabili in agricoltura

Il Direttore della FAO ha definito la nuova Commissione sulla Sicurezza Alimentare Mondiale "la pietra miliare nella nuova governance globale che stiamo costruendo insieme". Ha poi sollecitato la comunità rappresentata dalla Commissione a lavorare insieme per stabilire dei principi comuni per degli investimenti responsabili nel settore agricolo che rispettino i diritti, i mezzi di sostentamento e le risorse delle popolazioni.

A maggio di quest'anno, dopo un processo di negoziazioni inclusive e partecipative, la Commissione ha approvato le "Direttive Volontarie per una governance responsabile dei regimi di proprietà applicabili alle terre, alla pesca e alle foreste nel contesto della sicurezza alimentare nazionale". La Commissione avvierà ora un simile processo di negoziati nell'arco dei prossimi due anni per concordare dei principi comuni per degli investimenti responsabili nel settore agricolo che faranno da complemento alle Direttive Volontarie.

"Trovare un accordo su tali questione richiede molto tempo", afferma il Presidente del CFS Yaya Olaniran, "ma il risultato sono delle politiche che si basano su realtà concrete e che sono sostenute da tutti".

La cerimonia d'apertura ha visto anche gli interventi della Direttrice Esecutiva del WFP, Ertharin Cousin, e del Presidente dell'IFAD, Kanayo F. Nwanze.