FAO.org

Home > Sala stampa > News Article

La Cina si impegna per 50 milioni di dollari FAO a sostegno della cooperazione Sud-Sud

"La crisi silenziosa di fame e povertà è una grande sfida ed una responsabilità comune" – dice il Primo Ministro cinese Li Keqiang

Roma, 15 ottobre 2014 - La Cina ha annunciato una donazione di 50 milioni di dollari alla FAO a sostegno del programma dell'Organizzazione di "Cooperazione Sud-Sud", per migliorare la sicurezza alimentare e promuovere lo sviluppo agricolo sostenibile nel corso dei prossimi cinque anni.

Il Primo ministro cinese Li Keqiang ne ha dato l'annuncio oggi, in un intervento tenuto alla FAO in vista delle celebrazioni della Giornata mondiale dell'alimentazione di domani. Questa è stata la sua prima visita ad una agenzia delle Nazioni Unite da quando è in carica.

Affrontare la "crisi silenziosa" della fame e della povertà è "una grande sfida e una responsabilità comune", ha detto il premier.

"Cibo per tutti è un diritto umano fondamentale, dal quale tutti gli altri diritti umani dipendono. La Cina ha un ricordo amaro della fame e vuole vedere un mondo libero da fame e povertà. Siamo disposti a condividere senza riserve le nostre tecnologie e competenze", ha aggiunto.

Presenti all'intervento rappresentanti di paesi della FAO, del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) e del Programma Alimentare Mondiale (PAM), che insieme a gruppi della società civile sono convenuti questa settimana presso la FAO per la riunione della Commissione per la sicurezza alimentare mondiale (CFS).

Ringraziando la Cina per il suo impegno, il Direttore Generale della FAO, José Graziano da Silva, ha detto: "Condividiamo lo stesso principio che il compito fondamentale di fronte a noi oggi è l'eliminazione della fame. Siamo in grado di realizzarlo nel corso della nostra vita. "

Il capo della FAO ha lodato gli sforzi della Cina nell'affrontare l'insicurezza alimentare sia in patria che all'estero. Ha poi fatto notare che il paese ha già raggiunto il 1 ° Obiettivo di Sviluppo del Millennio di dimezzare la percentuale di coloro che soffrono la fame cronica, prima della scadenza del 2015.

Dal 1990 ad oggi, la Cina è riuscita a liberare 138 milioni di persone dalla fame cronica. Ciò significa che a livello mondiale, due su tre persone che sono riuscite a sconfiggere la fame dal 1990 sono in Cina, ha osservato Graziano da Silva.

Il successo nella lotta contro la fame

I progressi della Cina in materia di sicurezza alimentare sono stati raggiunti attraverso un approccio combinato, ha affermato il Primo Ministro cinese, anche dando incentivi alle famiglie di agricoltori per liberare il loro potenziale produttivo, sostenendo la scienza e l'innovazione tecnologica, nonché attuando riforme istituzionali, fornendo servizi di divulgazione e dando sostegno alle cooperative agricole.

Oltre agli sforzi per modernizzare la produzione alimentare, il premier ha anche evidenziato il "ruolo fondamentale" delle aziende a conduzione familiare, dicendo che le famiglie di agricoltori necessitano di sostegno per essere aiutate a diversificare le attività, innovare, e unirsi in cooperative.

Negli ultimi anni in Cina si sono costituite oltre un milione di cooperative agricole, ha aggiunto il premier cinese, permettendo ai piccoli produttori di unire le proprie forze e operare su scala più ampia.

Il Primo Ministro Li ha poi sottolineato la necessità di aumentare non solo la produzione di cibo, ma di farlo in un modo che sia ecologicamente sostenibile, al fine di "trasmettere terra fertile e cielo blu alle generazioni future."

Una mano d'aiuto

A livello internazionale, la Cina è stata uno dei più forti sostenitori dell'approccio Sud-Sud per la cooperazione allo sviluppo.

Nel 2008 ha istituito un fondo fiduciario presso la FAO di 30 milioni dollari per sostenere le missioni sul campo di esperti agricoli cinesi nei paesi in via di sviluppo. Finora, 30 mila esperti cinesi hanno condiviso le loro conoscenze ed esperienze in oltre 100 paesi. Oltre centomila agricoltori e le loro famiglie hanno già beneficiato di questa collaborazione e migliaia di tecnici sono stati addestrati nelle più appropriate soluzioni tecniche.

Il Premier Li ha sottolineato l'impegno della Cina ad aiutare le altre nazioni in via di sviluppo, promettendo che la Cina "sarà sempre una forza attiva per salvaguardare la sicurezza alimentare, lavorando instancabilmente per costruire un mondo libero dalla fame"

Photo: ©FAO
Il Primo Ministro cinese Li Keqiang e il Direttore Generale della FAO José Graziano da Silva.

Share this page