FAO.org

Home > Sala stampa > News Article

Un grande cucchiaio blu, simbolo di sicurezza alimentare e nutrizione per tutti, rappresenterà l’ONU ad Expo 2015

Il Direttore Generale della FAO: la Sfida Fame Zero deve essere fondamento del mondo post-2015

20 novembre 2014, Roma -  La visione di un mondo dove ognuno ha cibo a sufficienza e accesso ad un'alimentazione sana deve essere al centro dei nuovi obiettivi globali per lo sviluppo sostenibile, ha affermato oggi il Direttore Generale della FAO José Graziano da Silva, partecipando alla presentazione dell'installazione che rappresenterà le Nazioni Unite all'Esposizione Universale Expo Milano 2015.

L'istallazione, un grande cucchiaio blu, è stata presentata oggi in una cerimonia presso la sede della FAO a Roma. Fatto di materiale riciclabile,  il grande cucchiaio - strumento comune a tutte le tradizioni alimentari nel mondo - rappresenta la Sfida Fame Zero delle Nazioni Unite che punta all'eradicazione della sottoalimentazione cronica.

"E' il riconoscimento visivo del nostro impegno per un mondo sostenibile con sicurezza alimentare per tutti. La visione della Sfida Fame Zero deve essere il fondamento del nostro mondo post-2015" ha affermato Graziano da Silva riferendosi ai lavori in corso da parte dei governi per determinare i nuovi obiettivi globali dello sviluppo per la fine del 2015.

La cerimonia ha avuto luogo durante la Seconda Conferenza Internazionale sulla Nutrizione (ICN2), organizzata congiuntamente dalla FAO e dall' OMS. Ieri, 19 novembre, i rappresentanti di 172 paesi, tra i quali 93 ministri, hanno approvato la Dichiarazione di Roma sulla Nutrizione e il Quadro Operativo, accogliendo principi volontari che puntano ad affrontare le maggiori sfide odierne sulla nutrizione e identificando le priorità per una cooperazione internazionale rafforzata sulla nutrizione.

Gli impegni presi durante la ICN2 "sono il punto di partenza per i nostri rinnovati impegni. Expo 2015 fa parte di questo stesso cammino" ha affermato Graziano da Silva a seguito della cerimonia di inaugurazione.

Alla cerimonia hanno partecipato anche il Ministro italiano delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, il Commissario Generale delle Nazioni Unite per Expo 2015, Eduardo Rojas-Briales e il Direttore degli Affari Istituzionali per Expo 2015 S.p.A. Roberto Arditti, oltre a delegati presenti ad ICN2 che è iniziata mercoledì e terminerà venerdì.

L' installazione presentata oggi alla FAO è solo il primo di 18 esemplari che congiungeranno i contenuti ONU lungo l'itinerario delle Nazioni Unite ad Expo 2015. Lo scopo dell' itinerario  è quello di promuovere il messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, nella "Sfida Fame Zero" lanciata nel 2012: possiamo sconfiggere la fame nell' arco di questa generazione.

Le 18 istallazioni multimediali rappresentano i cinque pilastri della Sfida Fame Zero: zero bambini con ritardi della crescita sotto i due anni; 100% accesso a cibo adeguato durante tutto l' anno; tutti i sistemi alimentari sostenibili; aumento del 100% della produttività e dei redditi dei piccoli proprietari terrieri; zero perdite e sprechi alimentari. La Sfida pone inoltre l'accento sull'importanza di sostenere il lavoro delle donne e l'equità di genere.

Photo: ©FAO/Giulio Napolitano
Il Ministro italiano delle Politice Agricole, Maurizio Martina e il Direttore Generale della FAO José Graziano da Silva.

Share this page