Aiutare con urgenza i contadini etiopi a continuare ad alimentare il paese nella morsa di una gravissima siccità

Triplicata la necessità di assistenza umanitaria a causa degli effetti devastanti di El Niño

Roma, 7 marzo 2016 - La grave situazione determinatasi in Etiopia, a causa di uno dei più forti eventi mai registrati connessi con El Niño, continua ad avere effetti devastanti sulla vita e sui mezzi di sostentamento dei contadini e dei pastori. In questo quadro è fondamentale dare assistenza tempestiva al settore agricolo per la prossima stagione delle piogge, per aiutare le persone colpite dalla siccità.

In Etiopia la necessità di aiuti umanitari è triplicata dall'inizio del 2015, la siccità ha causato una serie di cattivi raccolti e un'alta moria di bestiame.

Come conseguenza, nel Paese del Corno d'Africa i tassi di fame e malnutrizione sono allarmanti, con circa 10,2 milioni di persone che adesso soffrono di insicurezza alimentare. Un quarto di tutti i distretti dell'Etiopia sono ufficialmente classificati come in crisi di sicurezza alimentare e nutritiva.

Con la semina per la prima stagione delle piogge - chiamata belg - già in ritardo e il meher - la principale stagione agricola dell'Etiopia - che si avvicina, gli agricoltori hanno bisogno di supporto immediato per essere aiutati a produrre cibo da qui a settembre per i milioni di persone che soffrono la fame.

 "La FAO ha urgente bisogno di 13 milioni di dollari entro la fine del mese di marzo, per portare assistenza a oltre 600.000 tra le persone più colpite", ha dichiarato il Rappresentante della FAO nel paese, Amadou Diallo Allahoury.

"Ci aspettiamo che i bisogni saranno particolarmente elevati nelle prossime settimane", ha aggiunto, "quindi è fondamentale essere in grado di rispondere rapidamente e con fermezza e riuscire a far riavviare l'agricoltura prima che la siccità decimi ulteriormente i mezzi di sussistenza di milioni di persone".

Durante il meher si produce fino all'85% della produzione alimentare del paese.

Recenti stime dell'Ufficio dell'Agricoltura dell'Etiopia indicano che circa 7,5 milioni di contadini e di pastori hanno bisogno di sostegno agricolo immediato per la produzione di colture di base come mais, sorgo, teff, grano e tuberi, e di foraggio per il bestiame, per mantenere gli animali sani e riprendere la produzione.

Le famiglie contadine hanno esaurito le riserve di sementi a causa delle continue semine fallite, o perché le hanno consumate come cibo.

Anche le scorte di mangimi animali sono esaurite, ed è necessaria l'assistenza per consentire alle famiglie di produrre foraggio. Centinaia di migliaia di animali sono già morti e gli animali che rimangono stanno diventando sempre più deboli e magri a causa delle scarse risorse di pascolo, della mancanza di mangimi e della limitata disponibilità di acqua, con conseguente forte calo della produzione di latte e di carne.

"E 'importante capire che l'attuale siccità non è solo una crisi alimentare - è soprattutto una crisi dei mezzi di sussistenza", ha continuato Allahoury Diallo, che ha fatto notare che le perdite dello scorso anno hanno compromesso gravemente la sicurezza alimentare e il potere d'acquisto delle famiglie e costretto molti a vendere gli ultimi beni agricoli restanti.  

Soddisfare adesso le esigenze immediate degli agricoltori è essenziale per una possibile ripresa di lungo termine, perché aiuta gli agricoltori a nutrire il proprio paese e a mantenere intatte le risorse produttive.

L'appello della FAO per 13 milioni di dollari entro la fine del mese di marzo è parte del più ampio appello lanciato dall'agenzia per 50 milioni di dollari per il suo Piano di Risposta a El Niño in Etiopia. Ma sinora meno del 10% del piano è stato finanziato.

La risposta della FAO a El Niño

Come parte della risposta d'emergenza, la FAO sta già fornendo materiali per la semina per aiutare le famiglie senza sementi e che soffrono maggiormente la fame nelle regioni più colpite a seminare nelle stagioni di Belg e di Meher. Ma questo sostegno ha urgente bisogno di essere incrementato.

Nel tentativo di preservare il bestiame, la FAO ha distribuito blocchi di nutrienti nelle zone pastorali e agro-pastorali con lo scopo di preservare il bestiame e rafforzare la resilienza delle cooperative che lo allevano. La FAO fornisce anche alimentazione animale di sopravvivenza e assistenza per aiutare i contadini a produrre foraggio e migliorare l'accesso all'acqua per il bestiame. Le greggi di tutto il paese hanno anche beneficiato di campagne di vaccinazione e di trattamenti veterinari per affrontare la loro crescente vulnerabilità a causa della siccità.

Nella regione somala dell'Etiopia, la FAO sta potenziando la stabilità finanziaria delle famiglie colpite dalla siccità attraverso l'acquisto di pecore e capre in condizioni deboli per l'immediata macellazione a livello locale, così da fornire carne, ricca di proteine, ​​alle famiglie colpite dalla siccità e molto vulnerabili a livello nutrizionale. L'intervento contribuirà a ridurre la pressione sui pochi mangimi disponibili, e consentire alle famiglie di concentrare le proprie risorse sugli animali ancora produttivi, e investire in attività produttive.

Inoltre, la FAO sta lavorando a stretto contatto con il governo per effettuare valutazioni stagionali e sviluppare piani di preparazione e di risposta, insieme a linee guida per l'assistenza d'emergenza all'agricoltura.

Photo: ©FAO/Tamiru Legesse
Progetti FAO di irrigazione e diversificazione per affrontare l'impatto de El Niño - Ethiopia.

Share this page