FAO.org

Home > Sala stampa > News Article

Allarme FAO: scarso impegno per la ripresa agricola di Haiti

Diouf denuncia la mancanza di sostegno

Photo: ©WFP/Rein Skullerud
La Repubblica di Haiti ha bisogno di un robusto e duraturo sostegno internazionale per un lungo periodo, ha dichiarato il Direttore Generale della FAO.

Roma, 12 febbraio 2010 - Il Direttore Generale della FAO Jacques Diouf ha denunciato oggi la mancanza di sostegno per l'immediata ripresa del settore agricolo di Haiti.

Intervenendo ad un incontro ad alto livello per coordinare le attività delle Agenzie ONU di Roma a favore della ripresa di media e lungo periodo di Haiti, Diouf ha dichiarato:

"Nel momento in cui Haiti sta affrontando una crisi alimentare di vaste proporzioni siamo allarmati per la mancanza di sostegno alla componente agricola dell'Appello urgente globale delle Nazioni Unite (Flash Appeal)".

L'appello complessivo di 575 milioni di dollari ne chiedeva 23 per le immediate necessità del settore agricolo di Haiti.  "Ma solo l'otto per cento di questa somma è stato finora stanziato", ha affermato Diouf.

"La ricostruzione economica e sociale di Haiti richiede il ripristino della produzione alimentare ed investimenti massicci nelle zone rurali".

Priorità immediate

Diouf ha poi continuato: "In questo momento la priorità immediata è sostenere la stagione agricola che inizia in marzo e che copre oltre il 60 per cento della produzione alimentare nazionale di Haiti".

La FAO ha già iniziato a distribuire sementi, fertilizzanti ed attrezzi per consentire ai contadini haitiani di fare la semina per il prossimo raccolto.  Piantata adesso, la produzione ortofrutticola sarà in grado in solo tre mesi di fornire cibo nutriente alle comunità beneficiarie per parecchi mesi, ha detto il Direttore Generale della FAO.

Guardando ad obiettivi di più lungo periodo, ha reso noto che un gruppo multidisciplinare di esperti FAO sta per partire per Haiti per aiutare il Ministero dell'Agricoltura haitiano a formulare un programma di medio e di lungo termine per il rilancio del settore agricolo.

E' necessario un sostegno duraturo

"La Repubblica di Haiti ha bisogno di un robusto e duraturo sostegno internazionale per un lungo periodo, per riuscire a raggiungere una crescita sostenibile che possa ridurre drasticamente fame e povertà", ha dichiarato Diouf.  Questo richiede che le Agenzie ONU con base a Roma coordinino meglio le loro attività di assistenza e sviluppino ulteriormente le sinergie esistenti.

"In questo spirito di rafforzata collaborazione, propongo la creazione di una Task-force tripartita che metta insieme FAO, PAM ed IFAD per aiutare il Governo di Haiti nella sua strategia di ripresa del settore agricolo".

Prima del terremoto la FAO aveva realizzato nell'isola un programma di 49 milioni di dollari che aveva coperto un'ampia gamma di progetti ed expertise che l'agenzia offre ai propri paesi membri.

Tra gli altri partecipavano alla riunione ad alto livello il Ministro dell'Agricoltura di Haiti Joanas Gué, la Direttrice Esecutiva del PAM, Josette Sheeran ed il Presidente dell'IFAD Kanayo Nwanze.