FAO.org

Home > Sala stampa > News Article

Oltre 250.000 persone hanno già firmato contro la fame

La FAO punta a raccogliere un milione di firme

Photo: ©FAO/Gustavo García
Guatemala - Un contadino firma la petizione contro la fame
Roma, 3 agosto  2010 - Più di 250.000 persone hanno già firmato sul sito web 1billionhungry.org la petizione della FAO che fa appello ai governi affinché l'eliminazione della fame nel mondo diventi la loro priorità.


"La sfida è ormai lanciata e siamo sulla buona strada per raggiungere il nostro obiettivo di un milione di firme entro la fine di novembre", ha dichiarato il Direttore Generale della FAO, Jacques Diouf. "Invito tutti a firmare la petizione online in segno di solidarietà con il miliardo di persone che soffrono la fame".


Dovrebbero firmare la petizione, (disponibile su http://www.1billionhungry.org/) tutti coloro che "trovano inaccettabile che un miliardo di persone soffrano cronicamente la fame. Facciamo appello ai governi di tutto il mondo affinché facciano dell'eliminazione della fame la loro priorità fino a che questo obiettivo non verrà raggiunto", chiede la petizione.


Uno degli strumenti della campagna è il video promozionale dell'attore inglese Jeremy Irons, nel quale ripete una famosa scena tratta dal film del 1976 "Quinto Potere" gridando "I'm mad as hell".


La campagna si avvale di un innovativo software sviluppato dal Prof. Riley Crane, del Laboratorio Media del Massachussetts Institute of Technology (MIT), che consente agli utenti di visualizzare in tempo reale il proprio impatto su una mappa del mondo, man mano che si condivide il link con i propri amici sui social network. Anche la mappa di Google mantiene il conto aggiornato del numero di firme registrate in ogni paese.


Il passaparola tramite Facebook e gli altri social network è il modo più efficace con il quale la petizione si sta diffondendo. Una nuova applicazione di Facebook consente agli utenti di firmare la petizione e incoraggia amici e parenti a fare altrettanto.


Al vertice Mondiale dell'Alimentazione del 1996 i leader di 185 paesi hanno concordato l'obiettivo di dimezzare il numero delle persone che soffrono la fame, e di ridurlo a non più di 420 milioni entro il 2015. 


Tuttavia, al ritmo attuale l'obiettivo verrà raggiunto solo nel 2150, con centinaia di milioni di morti senza ragione e un incalcolabile livello di sofferenza nel frattempo.


Il simbolo della campagna FAO è un fischietto giallo, per denunciare che la situazione non è più tollerabile. Manifesti e striscioni che invitano le persone a firmare la petizione sono stati tradotti in tredici lingue.