FAO.org

Home > Sala stampa > News Article

Cerimonia alla FAO per celebrare la vittoria sulla peste bovina

Il Direttore Generale della FAO Jacques Diouf plaude alla cooperazione internazionale

Photo: ©FAO/J. Thompson
La peste bovina è stata il flagello degli allevatori in Africa, Asia ed Europa per millenni.

Roma, 25 giugno 2011 - Alla presenza di Presidenti, Vice Presidenti, Ministri ed altre personalità internazionali, il Direttore Generale della FAO Jacques Diouf ha scoperto oggi una targa per celebrare l'eliminazione della peste bovina, una delle malattie animali più letali, che per secoli ha seminato devastazione ed ha rappresentato una grave minaccia per le condizioni di vita di milioni di persone.


Questa è la prima volta nella storia dell'umanità che una malattia animale è stata del tutto debellata e solo la seconda, dopo il vaiolo nel 1980, che una malattia sia stata eliminata grazie all'impegno umano ed alla cooperazione internazionale.


"Nel corso degli anni ho spesso detto che il mondo ha i mezzi per eliminare fame, denutrizione e povertà estrema", ha detto Diouf. 


"La totale eliminazione della peste bovina - una malattia che ha decimato bovini, bufali e molte altre specie domestiche e selvatiche - è oggi una realtà comprovata".


Questo è un successo di grande portata per il genere umano, poiché per centinaia di anni la malattia ha continuato a diffondersi su tutti i continenti, portando devastazione, annientando milioni di capi di bestiame, causando fame e carestie e condizioni di vita precarie.

La targa commemorativa all'interno della sede FAO riporta i nomi di tutte le istituzioni tecniche, professionali, finanziarie e di tutti i Paesi membri che con il loro lavoro e con la loro collaborazione hanno contribuito ad eliminare la malattia.


Hanno partecipato alla cerimonia tra gli altri: il Presidente del Ciad,  Idriss Déby Itno, il Presidente del Togo Faure Gnassingbé, la Vice Presidente del Gambia Aja Dr. Isatou Njie, rappresentanti dei Paesi membri della FAO e di altre organizzazioni internazionali, il Direttore Generale dell'Organizzazione mondiale di salute animale, Bernard Vallat, l'ex Segretario Generale delle Nazioni Unite Kofi Annan ed il veterinario e Premio Nobel Peter Doherty.  Parteciperanno inoltre gli Ambasciatori di buona volontà della FAO Pierre Cardin, Mory Kanté ed Anggun.


La cerimonia ha avuto luogo nella giornata d'apertura della 37ma Conferenza biennale della FAO, il massimo organo direttivo dell'agenzia, che il 28 giugno dichiarerà ufficialmente debellata la malattia.

Sin dal 1994, la FAO è stata alla guida del Programma mondiale per l'eliminazione della peste bovina (GREP), in stretto coordinamento con l'Organizzazione mondiale di salute animale (OIE), l'Agenzia Internazionale per l'energia atomica (IAEA), altri partner, governi, organizzazioni non governative, istituzioni regionali come l'Ufficio interafricano per le risorse animali dell'Unione Africana, e donatori quali l'Unione Europea.

Lunedì 27 giugno responsabili veterinari ed altri esperti di tutto il mondo si incontreranno presso la FAO per discutere su come salvaguardare i campioni di virus ancora esistenti nei laboratori ed i vaccini, e per valutare rischi e risposte necessarie nella lotta contro altre malattie animali ad alto impatto.