FAO.org

Home > Sala stampa > News Article

La Conferenza della FAO approva l’incremento del budget

Ed elogia i servigi resi da Diouf all’Organizzazione durante il suo mandato

Foto: ©FAO/Giulio Napolitano
I Paesi Membri approvano all’unanimità il budget per il biennio 2012-13

Roma, 2 luglio 2011 - La Conferenza della FAO ha approvato all'unanimità un budget di 1.005,6 milioni di dollari per il programma regolare del biennio 2012-2013, equivalente ad un incremento dell'1,4 per cento rispetto al biennio in corso.

Il budget copre la completa attuazione del programma di lavoro proposto e del Piano di azione immediato per il rinnovamento della FAO. Nel riconoscere la necessità di una protezione finanziaria per i programmi della FAO, i membri dell'organizzazione hanno chiesto al Direttore Generale che si incrementino efficienza e razionalizzazione per economizzare ulteriori 34, 5 milioni di dollari in aggiunta a quelli già preventivati.

Il livello del budget e la sua approvazione all'unanimità sono stati considerati espressione di fiducia nell'Organizzazione da parte della Conferenza, che la scorsa settimana ha eletto il brasiliano José Graziano da Silva nuovo Direttore Generale, a partire dal 1 gennaio 2012.

In aggiunta, la FAO spera di ricevere nel corso del prossimo biennio circa 1,4 miliardi in contributi volontari da paesi membri ed associati.  Che queste risorse fuori bilancio superino il budget regolare è un'ulteriore dimostrazione della fiducia dei membri nell'organizzazione, ha commentato Diouf nel suo intervento di chiusura della Conferenza.

Risultati straordinari

La Conferenza nell'elogiare "i risultati straordinari raggiunti (da Diouf) nel corso di tre mandati" come Direttore Generale, ha annunciato oggi che in conformità con la raccomandazione della 26ma Conferenza regionale per l'Africa (Angola, 4-7 maggio 2010), ha istituito un "Premio Jacques Diouf per la Sicurezza Alimentare" come tributo al suo lavoro per l'Organizzazione.

Il premio di 25.000 dollari sarà assegnato ogni due anni a singoli individui o istituzioni per avere dato a giudizio del Comitato di selezione il contributo più significativo al miglioramento della sicurezza alimentare nel biennio precedente.

In una risoluzione la Conferenza ha ricordato "i grandi servigi resi dal Dr Jacques Diouf all'organizzazione... in un periodo nel quale il mondo intero ha dovuto fare i conti con insicurezza alimentare, instabilità dei prezzi alimentari e sfide del cambiamento climatico di eccezionale portata e di complessità senza precedenti".

Sotto la guida di Diouf l'Organizzazione ha fatto grandi passi avanti nel risolvere questi problemi assicurando che l'agricoltura venisse di nuovo posta al centro dell'agenda politica mondiale, si legge nella risoluzione.

Un forte impegno

Ha inoltre sottolineato il grande impegno del Direttore Generale "nei confronti del processo di riforma e le iniziative prese durante tutto il suo mandato per migliorare la capacità dell'Organizzazione di svolgere le sue funzioni per sconfiggere la fame e raggiungere la sicurezza alimentare" ed ha poi espresso la "profonda gratitudine... per gli straordinari servigi resi all'Organizzazione e la sua instancabile dedizione agli obiettivi ed agli ideali della FAO".

Tributi separati e lodi all'operato di Diouf, che termina il suo mandato il 31 dicembre dopo 18 anni in carica, sono stati anche espressi da singoli paesi membri e da Papa Benedetto XVI nel corso dell'udienza in cui ha ricevuto i delegati della Conferenza, venerdì scorso.

Il Papa ha elogiato il Direttore Generale per la sua "competenza e devozione, che ha consentito alla FAO di affrontare problemi e crisi derivati da cambiamenti mondiali che hanno avuto ripercussioni a volte drammatiche sul suo campo di attività".

Una leadership riconosciuta

Elogi alla leadership di Diouf sono anche venuti dai rappresentanti del personale FAO. Nel suo interevento alla Conferenza, Margaret Eldon, Segretaria generale dell'Unione del Personale dei Servizi Generali, ha espresso il suo apprezzamento per "18 anni di servizio instancabile".

"In anni di riduzione del personale, riorganizzazione e decentralizzazione, Diouf ha è sempre stato attento che i cambiamenti introdotti non andassero a scapito del personale, e noi lo ringraziamo per questo", ha aggiunto, parlando anche a nome dell'Associazione dei funzionari FAO.

Un ulteriore tributo è venuto dalle Filippine, che hanno svolto la revisione contabile esterna per il biennio 2008-2009, l'ultima ad essere certificata.  Il delegato delle Filippine, Segfredo Serrano ha osservato che, "sotto la sua (di Diouf) leadership la riforma della FAO ha intrapreso molti cambiamenti, talvolta dolorosi, ma lungimiranti per rivitalizzare l'Organizzazione.  Talvolta vi sono state discussioni aperte e punti di vista divergenti sulle questioni relative alla riforma della FAO, ma Diouf ha sempre attuato fedelmente le decisioni prese dagli organismi direttivi".

Il Ministro dell'Agricoltura francese Bruno Le Maire nel suo intervento ha espresso un ringraziamento al Direttore Generale "per la qualità del suo operato nel corso di 17 anni al servizio della sicurezza alimentare mondiale e della governance  dell'agricoltura del pianeta".  Anche la Corte dei Conti francese ha svolto funzioni di revisore dei conti esterno.

La delegata americana Kathleen Merrigan, Vice Segretario di Stato per l'Agricoltura USA, ha affermato che Diouf: "ha aiutato ad introdurre un processo di rinnovamento e di riforma che sta trasformando la più grande agenzia specializzata delle Nazioni Unite in un'organizzazione più dinamica, reattiva ed attendibile".
 
Il Summit dei Capi di Stato e di Governo dell'Unione Africana che si teneva negli stessi giorni della Conferenza a Mabo, nella Guinea Equatoriale, ha adottato una risoluzione in cui ha espresso il proprio accordo all'istituzione del "Premio Jacques Diouf per la Sicurezza Alimentare".

Il Consiglio della FAO

Oltre ad eleggere i membri del Consiglio della FAO, la Conferenza ha anche ri-eletto per un altro mandato biennale il francese Luc Guyau Presidente Indipendente del Consiglio Esecutivo della FAO, composto da 49 paesi.

Guyau è stato eletto per la prima volta Presidente Indipendente del Consiglio della FAO nel 2009, e nel biennio in corso è stato anche Presidente del Comitato della Conferenza per il follow-up della Valutazione Esterna Indipendente dell’Organizzazione . Luc Guyau è stato sindacalista e Presidente delle Camere dell’Agricoltura francesi.