FAO.org

Home > Sala stampa > News Article

Appello di Diouf al nuovo Presidente USA: porre fine alla fame nel mondo

Il Direttore Generale della FAO sollecita un Vertice Mondiale sull'Alimentazione

©FAO/Giulio Napolitano
Il Direttore Generale della FAO Jacques Diouf

Roma, 6 novembre 2008 - Il Direttore Generale della FAO ha lanciato oggi un appello al nuovo Presidente eletto degli Stati Uniti, Barack Obama, affinché l'eliminazione della fame nel mondo sia una priorità del suo programma politico ed ospiti un Vertice Mondiale entro la prima metà del prossimo anno.

In un messaggio di congratulazioni al Senatore Obama per la sua elezione, Diouf ha affermato che gli Stati Uniti d'America dovrebbero "nel primo semestre del 2009 assumere un ruolo leader nella convocazione di un Vertice Mondiale sulla Sicurezza Alimentare per riuscire a raggiungere un ampio e condiviso consenso sull'eliminazione definitiva della fame nel mondo".

L'accresciuta consapevolezza sul dramma di 923 milioni di persone che soffrono la fame in conseguenza della crisi alimentare e finanziaria mondiale in corso ha creato "una nuova opportunità per un'iniziativa di questo tipo", ha detto Diouf.

"Il Vertice deve trovare 30 miliardi di dollari su base annua per costruire e sviluppare le infrastrutture rurali ed incrementare la produttività agricola nei paesi in via di sviluppo, in particolare nei paesi a baso reddito con deficit alimentare, con l'obiettivo di raddoppiare la produzione e garantire la sicurezza alimentare per una popolazione mondiale che si prevede raggiungerà i 9 miliardi di persone nell'anno 2050", ha continuato il Direttore Generale della FAO.

"Il Vertice dovrebbe anche gettare le basi per un nuovo sistema di commercio agricolo che offra ai contadini, sia dei paesi sviluppati che di quelli in via di sviluppo, l'opportunità di guadagnarsi da vivere decentemente" ha aggiunto. "Dobbiamo usare tutta la nostra intelligenza ed immaginazione per concepire politiche che promuovano lo sviluppo agricolo sostenibile basato su un commercio internazionale equo".