FAO.org

Home > Mídias > Notícias
This article is not available in Portuguese.

Click this message to close.

Un nuovo rilievo metrico per valutare fame e insicurezza alimentare

Lanciato in quattro paesi il progetto pilota della FAO “La voce degli affamati”

Foto: ©FAO/Ami Vitale
Un sondaggio annuale fornirà informazioni più dettagliate sulla fame a livello mondiale
Roma, 13 marzo 2013 - Sarà presto testato dalla FAO in diversi paesi pilota, un modo nuovo, più veloce e più preciso, di misurare la fame e l'insicurezza alimentare nel mondo.

Il nuovo approccio si basa sulla raccolta d'informazioni circa le dimensioni e la gravità della fame dalle stesse popolazioni che soffrono d'insicurezza alimentare, mediante un sondaggio annuale attentamente concepito da condurre in collaborazione con la Gallup.

Entro questo mese il progetto, denominato "The Voices of the hungry" ("La voce degli affamati" N.d.T.), verrà finalizzato in collaborazione con i maggiori esperti del settore e sperimentato su una base pilota in quattro paesi da identificare.

Il programma prevede di estendere l'inchiesta sul campo a più di 160.000 intervistati nei 150 paesi coperti dalla Gallup e di pubblicare ogni anno i risultati aggiornati di ciascun paese. Il progetto durerà cinque anni e porterà alla creazione di un nuovo standard per il monitoraggio della sicurezza alimentare certificato dalla FAO, che potrebbe poi essere facilmente adottato per altre inchieste sui nuclei familiari poveri.

Uno strumento fondamentale nella lotta contro la fame

"Questo metodo innovativo sarà uno strumento fondamentale per i governi, per la società civile e per altre organizzazioni nazionali e internazionali nella lotta contro la fame", dice Jomo Sundaram, Vice Direttore Generale della FAO per il Dipartimento Sviluppo Economico e Sociale.  "Sarà anche molto importante per incrementare l'assunzione di responsabilità dei governi e incoraggiarli ad impegnarsi per l'eliminazione della fame".

Nonostante i recenti miglioramenti, la metodologia usata dalla FAO attualmente non è in grado di fornire un quadro onnicomprensivo delle molte dimensioni della fame.  Al momento la FAO è in grado di monitorare con accuratezza la disponibilità di cibo a livello nazionale, in particolare in termini di potenziale assunzione energetica, laddove questo nuovo indicatore misurerà anche l'accesso al cibo a livello individuale, fornendo un'immagine più chiara dell'esperienza personale con l'insicurezza alimentare.

Questo nuovo metodo farà da complemento agli indicatori già usati dalla FAO per valutare la percentuale di popolazione sottonutrita, metodologia sviluppata per monitorare i progressi verso il raggiungimento del primo Obiettivo di Sviluppo del Millennio di dimezzare la prevalenza della fame entro il 2015.  Di questo ampliamento c'era bisogno, poiché fornisce informazioni su una varietà di aspetti che caratterizzano l'esperienza dell'insicurezza alimentare, piuttosto che soltanto il consumo calorico.

Otto domande

Nell'ambito del progetto La voce degli affamati, a livello nazionale saranno scelti campioni da 1.000 a 5.000 persone, a seconda della grandezza del paese, per rispondere alle otto domande individuate per indicare se ed in che misura gli intervistati hanno sofferto d'insicurezza alimentare nei 12 mesi precedenti.

Le domande sono:
Nel corso degli ultimi 12 mesi c'è stato un momento quando a causa della mancanza di denaro o altre risorse:

  1. Eri preoccupato che non ci fosse più cibo da mangiare?
  2. Sei stato impossibilitato a mangiare cibo salutare e nutriente?
  3. Hai mangiato solo alcuni tipi di cibo?
  4. Hai dovuto saltare il pasto?
  5. Hai mangiato meno di quanto pensavi fosse necessario?
  6. La tua famiglia è rimasta senza cibo?
  7. Avevi fame ma non avevi niente da mangiare?
  8. Non hai mangiato nulla per un intero giorno?

Le domande sono poste in modo da riuscire a stabilire la posizione dell'intervistato su una scala di esperienza d'insicurezza alimentare, da leggera a moderata a grave insicurezza alimentare.  Questionari simili e scale per determinare l'insicurezza alimentare sono stati usati dal Governo statunitense per identificare i beneficiari di buoni pasto, e dal Brasile nell'individuare il suo programma di welfare sociale per la Bolsa Familia.

Un indicatore conveniente e tempestivo

"E' un'avvincente nuova iniziativa per la FAO perché ci metterà in grado di capire meglio la severità dell'insicurezza alimentare  in modo tempestivo ed efficiente in termini di costi", dice Carlo Cafiero, lo statistico della FAO responsabile del progetto. "Doterà inoltre la FAO di uno strumento economico e coerente dal punto di vista metodologico per riuscire a monitorare la fame in tutto il mondo".

I risultati dei sondaggi saranno disponibili dopo pochi giorni piuttosto che anni, fattore che consentirà alla FAO di avere un quadro immediato in tempo reale della situazione d'insicurezza alimentare di un paese.  Questa sarà la prima occasione nella quale la FAO si assume la responsabilità della raccolta dei dati.  Contemporaneamente la FAO assisterà i paesi a includere questa scala di valutazione nei loro progetti e programmi di rilevamento per assicurare la sostenibilità futura.

La FAO sta discutendo con possibili partner finanziatori futuri, di mobilitare risorse per un'estensione del progetto La voce degli affamati nel resto del mondo, mentre i progetti nei quattro paesi pilota sono finanziati da un'iniziativa separata.