FAO.org

Home > Mídias > Notícias
This article is not available in Portuguese.

Click this message to close.

Il patrimonio genetico mondiale decisivo per la sopravvivenza dell’umanità

Nel 30mo anniversario della Commissione sulle Risorse Genetiche per l’Alimentazione e l’Agricoltura, la FAO sottolinea l’urgenza di salvaguardare i geni chiave che aiuteranno a contrastare gli effetti del cambiamento climatico

Foto: ©FAO/Jon Spaull
Una ricercatrice indiana preleva sementi da una varietà di grano per realizzare miglioramenti genetici.
Roma, 15 aprile 2013 - Conservare e fare il miglior uso della ricchezza delle risorse genetiche del pianeta sarà fondamentale per la sopravvivenza dell'umanità, che dovrà produrre cibo nutriente a sufficienza per una popolazione in continua crescita, ha dichiarato oggi il Direttore Generale Aggiunto della FAO, M. Dan Gustafson nel suo intervento alla Commissione sulle Risorse Genetiche per l'Alimentazione e l'Agricoltura.

La Commissione, l'unico organismo intergovernativo che affronti specificamente tutte le questioni relative al patrimonio genetico per l'alimentazione e l'agricoltura del mondo, si riunisce presso la FAO questa settimana in coincidenza con il suo 30mo anniversario.

"La FAO ritiene che l'adattamento del settore agricolo non sia solo una delle opzioni possibili, ma piuttosto un imperativo per la sopravvivenza umana, e che le risorse genetiche saranno parte essenziale di qualsiasi strategia di adattamento", ha detto Gustafson.

"Garantire la sicurezza alimentare nonostante il cambiamento climatico è una delle sfide più impegnative che dovrà affrontare l'umanità", ha proseguito.

Le piante costituiscono più dell'80 % della dieta umana. Una trentina di colture coprono il 95% del fabbisogno energetico alimentare umano e solo cinque di esse - riso, grano, mais, miglio e sorgo - ne forniscono il 60%.  Eppure, più di 7000 specie di piante sono state raccolte e coltivate da quando l'uomo ha imparato a farlo molti millenni fa. E nel mondo esistono ben trentamila specie commestibili di piante terrestri.

"Gli effetti del cambiamento climatico faranno ridurre la produttività agricola, la stabilità e il reddito in molte zone che già soffrono di alti livelli d'insicurezza alimentare", spiega Gustafson.  "La produzione agricola mondiale dovrà aumentare del 60 per cento entro la metà di questo secolo - meno di 40 anni da oggi - per stare al passo con il fabbisogno alimentare della crescente popolazione mondiale.

"Le risorse genetiche per l'alimentazione e l'agricoltura svolgono un ruolo cruciale nel garantire sicurezza alimentare, mezzi di sussistenza sicuri e servizi ambientali. Esse sono anche fondamentali nel far sì che colture, zootecnia, organismi acquatici e alberi nelle foreste riescano a resistere a condizioni associate al cambiamento climatico".

La tabella di marcia

Per una prima fase fino al 2017, la Commissione prenderà in esame una tabella di marcia su cambiamento climatico e risorse genetiche.  Le attività previste comprendono la sensibilizzazione, lo sviluppo di linee guida per l'integrazione delle risorse genetiche per l'alimentazione e l'agricoltura nella pianificazione dell'adattamento, individuando punti caldi dove la biodiversità è particolarmente minacciata, e la definizione di un piano d'azione per la proteggere le piante selvatiche apparentate a quelle coltivate dalla minaccia di estinzione.

Se la Commissione è più avanzata per quanto riguarda le risorse fitogenetiche e zoogenetiche, la FAO sta facendo importanti passi avanti nel campo delle risorse genetiche delle foreste, della vita acquatica, dei microrganismi e degli invertebrati, attività che riflettono il mandato ampliato della Commissione a partire dal 1995.  I batteri, ad esempio, sono essenziali per la produzione di yogurt e formaggi, i lombrichi rivoltano il suolo e scompongono la materia organica in sostanze nutritive essenziali e una pletora d'impollinatori, come le api, consentono al 35% dei raccolti di riprodursi.

Colpire dove duole

I paesi delle regioni più calde del pianeta saranno i più colpiti dal cambiamento climatico, poiché l'aumento della temperatura sarà più netto ed i loro sistemi agricoli saranno meno preparati ad affrontarne l'impatto.  Le zone aride e semi-aride sono destinate a diventare più secche, mentre le precipitazioni in altre aree saranno più variabili e molto meno prevedibili.

"Con il riscaldamento del pianeta l'umanità sarà costretta a usare tutti gli strumenti a sua disposizione, al fine di affrontare la sfida di produrre cibo a sufficienza ", ha detto Linda Collette, Segretaria della Commissione sulle Risorse Genetiche per l'Alimentazione e l'Agricoltura.

"Stiamo costantemente ampliando i già lunghi inventari di animali terrestri ed acquatici, di piante, di alberi, di invertebrati come gli insetti impollinatori e anche di organismi microscopici - e dei loro geni - alcuni di essi possiedono la chiave per adattarsi al cambiamento climatico.  Non solo dobbiamo conservare quella diversità genetica, ma dobbiamo anche garantirne l'accesso e assicurarne la giusta ed equa condivisione dei benefici derivanti dal loro uso", ha spiegato.

La diversità genetica in pericolo

La FAO stima che nel secolo scorso, circa il 75 per cento della diversità genetica delle colture sia andata perduta, quando gli agricoltori di tutto il mondo sono passati a varietà geneticamente uniformi, ad alto rendimento e hanno abbandonato molte delle varietà locali.

Il ricorso a materiale genetico è tuttavia indispensabile per adattare e migliorare l'agricoltura di fronte a minacce quali le malattie o il riscaldamento del clima che possono alterarne le condizioni di crescita.  Ad esempio, una varietà di grano della Turchia, raccolta e conservata in una banca genetica di semi nel 1948, è stata riscoperta negli anni ‘80, quando è stato trovato che possedeva geni resistenti a molti tipi di funghi patogeni.  Selezionatori di sementi ora usano quei geni per sviluppare varietà di grano resistenti a molte malattie.

Secondo i più recenti dati FAO, il 22 % delle razze animali sono a rischio di estinzione. Tuttavia, le razze locali, spesso le meno studiate, posseggono difese genetiche che consentono loro di percorrere lunghe distanze per raggiungere pozze d'acqua, sopravvivere con poca acqua e cibo combattere le malattie tropicali. Molte razze bovine "industriali" - ad esempio, gli animali da latte ad alto rendimento - spesso non ce la fanno in condizioni così difficili.  Inoltre:

Gli ecosistemi acquatici del mondo sono costituiti da circa 175 000 specie di pesci, molluschi, crostacei e piante acquatiche. Appena dieci specie costituiscono il grosso delle catture ittiche al mondo, ed altrettante specie rappresentano la metà della produzione mondiale di acquacoltura.

Al mondo si calcola esistano 80.000 specie di alberi, ma solo l'1% è stato studiato in modo approfondito. Le foreste ospitano l'80 per cento della biodiversità terrestre, ma vengono cancellate ad un ritmo allarmante - con gravi conseguenze per il riscaldamento globale.

Gli invertebrati costituiscono il 95 % dell'intera vita animale, e il tesoro nascosto della biodiversità dei microrganismi è incalcolabile.

La Commissione si sforza di arrestare la perdita di risorse genetiche per l'alimentazione e l'agricoltura, e garantire la sicurezza alimentare mondiale e lo sviluppo sostenibile, promuovendo la loro conservazione, il loro uso sostenibile, compreso lo scambio, e la ripartizione giusta ed equa dei vantaggi derivanti dal loro utilizzo.