FAO.org

Home > Mídias > Notícias
This article is not available in Portuguese.

Click this message to close.

Le violenze nel Sud Sudan minacciano di far aumentare fame e insicurezza alimentare

Necessari 61 milioni di dollari per proteggere e ricostituire i mezzi di sostentamento della popolazione

Foto: ©AFP/UNMISS /Rolla Hinedi
Proteggere e ricostruire i mezzi di sussistenza è fondamentale per ridurre l'insicurezza alimentare.

Juba/Roma 13 gennaio 2014 - La recente ondata di violenza nel Sud Sudan minaccia di far aumentare notevolmente fame e sofferenza umana, cancellando i modesti progressi realizzati nel settore della sicurezza alimentare negli ultimi due anni, ha avvertito oggi la FAO.

Nell'ambito del Piano di risposta alle crisi delle Nazioni Unite, la FAO e i suoi partner del settore sicurezza alimentare e mezzi di sussistenza, ritengono servano 61 milioni dollari per le cruciali attività di assistenza alimentare e per fornire i mezzi di sussistenza. L'attività della FAO punta principalmente ad ottenere sementi, vaccini per il bestiame, attrezzi per la pesca ed altri input agricoli, tecnologie e servizi per le famiglie vulnerabili rurali e urbane le cui attività produttive e di reddito sono state sconvolte dal conflitto e dal grande numero di rifugiati. La FAO è anche impegnata nel mitigare l'impatto ambientale degli sfollati e dei massicci spostamenti di popolazione.

Dall'inizio dei combattimenti, a metà dicembre, la situazione umanitaria in Sud Sudan si è rapidamente deteriorata, causando non solo la perdita di vite umane ed un grosso numero di sfollati, ma interrompendo bruscamente anche lo sviluppo agricolo e le attività umanitarie fondamentali per la sopravvivenza ed il sostentamento futuro di milioni di persone. In quattro dei dieci stati del Sud Sudan, l'impatto del conflitto sulle condizioni di vita della popolazione è stato devastante, con un allarmante rischio di insicurezza alimentare e malnutrizione diffusa.

"È essenziale che sicurezza e stabilità ritornino in Sud Sudan, in modo che gli sfollati possano ritornare al più presto alle loro case, ai loro campi, agli allevamenti e alle attività di pesca", ha affermato Sue Lautze, Rappresentante della FAO in Sud Sudan, da poco nuovo paese membro dell'agenzia. "Il tempismo è tutto: ora vi sono pesci nei fiumi, i pastori cercano di proteggere le mandrie e la stagione della semina per il mais, le arachidi e il sorgo ha inizio a marzo".

"Anche prima della recente ondata di combattimenti, che ha causato oltre 352.000 sfollati, le stime prevedevano che nel 2014 circa 4,4 milioni di persone sarebbero state vittime dell'insicurezza alimentare in Sud Sudan. Di questi, 830.000 avrebbero sofferto di insicurezza alimentare estrema", ha detto Dominique Burgeon, Direttore della Divisione Emergenza e Riabilitazione della FAO.

La FAO sta lavorando per assistere le persone colpite dalla crisi a ricostituire rapidamente i propri mezzi di sussistenza. Con molti degli sfollati che hanno trovato rifugio lungo le rive del Nilo e del fiume Sobat, la pesca potrà diventare una fonte immediata di cibo e di reddito.
Le priorità della FAO includono:

• Ripristinare il sistema sanitario degli animali attraverso la ricostituzione della catena del freddo necessaria per immagazzinare e trasportare i vaccini, e rilanciare le reti veterinarie locali;
• Aumentare l'accesso alle sementi, e alle apparecchiature di micro-irrigazione;
• Sostenere le attività ittiche;
• Promuovere un uso efficiente dei combustibili da parte degli sfollati.


L'agricoltura cruciale per la sopravvivenza

Si stima che circa il 78% della popolazione del Sud Sudan dipenda per la propria sussistenza dall'agricoltura, dall'allevamento del bestiame, dalla silvicoltura, dalla pesca o dal bracciantato.

 Il conflitto sta colpendo le principali rotte di approvvigionamento, disperdendo i commercianti e causando l'aumento dei prezzi alimentari e dei carburanti, insieme alla distruzione dei mercati locali, cruciali per i contadini, i pescatori e coloro che dipendono dall'allevamento del bestiame.

"Il Sud Sudan stava già affrontando enormi sfide in termini di malattie del bestiame. In alcuni settori, gli animali giovani sono morti a un ritmo del 40-50%. La FAO e i suoi partner sono riusciti di recente a fare qualche passo avanti nel controllo almeno parziale di queste malattie e a ridurre la mortalità attraverso la vaccinazione sistematica, ma riteniamo che più della metà della capacità del paese di conservazione e distribuzione del vaccino sia andata perduta e deve essere restaurata con urgenza", ha detto Lautze .

Mentre mobilita le proprie risorse per coprire alcune delle esigenze più urgenti, la FAO sta ulteriormente rafforzando le sue capacità sul campo, al fine di fornire l'assistenza umanitaria più necessaria.