FAO.org

Home > Media > Notícias
This article is not available in Portuguese.

Click this message to close.

A Buenos Aires il Congresso Forestale Mondiale

Salvare le foreste per mitigare l’impatto del cambiamento climatico ed assicurare migliori condizioni di vita

Photo: ©FAO/Giulio Napolitano
I danni agli ecosistemi forestali stanno avendo conseguenze in tutto il mondo
Roma, 9 ottobre 2009 – Si terrà a Buenos Aires dal 18 al 23 ottobre il Congresso Forestale Mondiale, proprio a ridosso dei negoziati sul cambiamento climatico che culmineranno nella Conferenza di Copenaghen il prossimo dicembre.

Considerata la conferenza più importante a livello mondiale del settore, il Congresso Forestale Mondiale si tiene ogni sei anni (sin dal 1926) ed è organizzato dal governo ospitante sotto l’egida della FAO.

Oltre 4.500 participanti

Il Congresso, dal tema: “Sviluppo Forestale. Equilibrio vitale” vedrà la partecipazione di oltre 4.500 delegati, tra rappresentanti governativi, del settore privato e di organizzazioni ambientaliste di oltre 120 paesi.  Come base dei colloqui sono stati selezionati 300 documenti, sugli oltre 3.500 ricevuti, per assicurare un alto livello di discussione.  I principali temi di dibattito saranno la bio-energia, il cambiamento climatico, lo sviluppo sostenibile e la necessità di sinergie tra i diversi settori per identificare una tabella di marcia che aiuti a uscire dalla crisi.

“I danni agli ecosistemi forestali stanno avendo conseguenze in tutto il mondo a causa del cambiamento climatico, della scarsità di acqua e della perdita della diversità biologica”, ha affermato Jan Heino Vice Direttore Generale della FAO del Dipartimento Foreste.  Heino ha auspicato l’adozione di più efficaci pratiche agricole, zootecniche e di gestione del territorio. “Considerato che il cambiamento di destinazione d’uso della terra a fini agricoli, per esempio la deforestazione, incide per circa un terzo sul totale delle emissioni di gas serra, il ruolo che questi settori possono avere nel mitigare l’impatto del cambiamento climatico è enorme”.

Uno dei risultati concreti del Congresso sarà una raccomandazione tecnica da presentare alla conferenza di Copenaghen del UNFCCC COP15 (Conferenza delle parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico). 

“Con il previsto incremento demografico mondiale, e con il riscaldamento globale che incalza, è sempre più difficile raggiungere gli obiettivi prefissi di combattere la povertà ed eliminare la fame.  La situazione peggiorerà se i leader di tutto il mondo non interverranno in modo deciso.  Le mezze misure non saranno sufficienti”, ha aggiunto Heino.