FAO.org

粮农组织主页 > 媒体 > 新闻报道
本文尚无中文版本。

点击此处关闭信息框

La FAO intensifica la lotta contro una grave infestazione parassitaria in Medio Oriente

Interventi rapidi ed ecologici contro la tignola del pomodoro

Foto: ©FAO/Ami Vitale
Il pomodoro è la coltura più importante dal punto di vista economico del Medio Oriente.
19 luglio 2012 - Roma, La FAO sta intensificando la lotta contro un insetto parassita del pomodoro che sta minacciando i raccolti nel Medio Oriente.  Insieme ai governi dei paesi colpiti, la FAO promuove programmi ecologici di controllo delle infestazioni di tignola del pomodoro che sono già riusciti a minimizzarne i danni nell'area del Mediterraneo e nei paesi Nord-Africani.

L'agenzia ONU sta lavorando a un progetto sub-regionale di gestione della tignola del pomodoro - o Tuta absoluta - in Egitto, in Iran, in Iraq, in Giordania, in Siria e nello Yemen.

L'idea è mantenere il danno al minimo impiegando metodi ecologici e sostenibili dal punto di vista economico, riducendo quindi l'impiego di pesanti pesticidi ma impiegando invece nemici naturali e trappole di feromone "attract-and-kill" ("attrai ed uccidi").

La Tuta absoluta si ciba anche di varie altre piante della famiglia delle solanacee come le patate, le melanzane, i peperoni, i fagioli, ma il pomodoro è la coltivazione economicamente più importante della regione.

La piccola tignola di colore marroncino è stata introdotta per la prima volta nel 2006 in Spagna dal Sudamerica e si è diffusa poi nei paesi del bacino del Mediterraneo e in Medio Oriente - spingendosi al nord sino alla Svizzera, al sud sino al Marocco e all'Algeria, a oriente sino alla Turchia ed anche coinvolgendo i Paesi del golfo a sudest.

"La tignola del pomodoro si è rapidamente moltiplicata, oltrepassando con facilità i confini nazionali.  Alcuni paesi sono riusciti a minimizzare l'abilità dell'insetto di riprodursi e a limitarne la diffusione e i danni alle coltivazioni.  L'obiettivo della FAO è replicare questi successi adesso che l'infestazione si è spostata verso est e sudest", dice Khaled Alrouechdi, esperto FAO di controllo delle infestazioni parassitarie.

"Ci sono due motivi perché cerchiamo di ridurre la quantità di pesticidi usati: il primo  è che un impiego massiccio di prodotti chimici non è sostenibile dal punto di vista ambientale.  Il secondo è che la tignola del pomodoro ha cominciato a sviluppare resistenza agli insetticidi", spiega Alrouechdi.

Lotta antiparassitaria meno aggressiva

La FAO nei paesi colpiti ha impiegato programmi di Gestione Integrata delle Infestazioni (IPM l'acronimo inglese ndt) e sviluppato tecniche poco tossiche ed a costo contenuto per il controllo delle infestazioni parassitarie quali:

  • un uso ridotto di pesticidi chimici privilegiando invece quelli naturali;
  • trappole feromoniche che attraggono gli insetti imitando esemplari di sesso opposto per l'accoppiamento;
  • il rilascio di nemici naturali (predatori e parassitoidi della tignola del pomodoro);
  • l'impiego  di schermi resistenti agli insetti e di doppie porte nelle serre;
  • la gestione dei vivai con l'impiego di piantine sane, prive di insetti;
  • l'eliminazione delle colture infestate e delle piante selvatiche ospiti;
  • la rotazione delle colture con varietà diverse dalle solanacee, che non attraggono il parassita.

"Da tempo i feromoni vengono impiegati in diversi paesi per monitorare la presenza degli insetti e per  intrappolarli in gran numero.  E' una tecnica economica, facile da applicare e ben accetta dai contadini", prosegue Alrouechdi.  "L'impiego di trappole feromoniche per eliminare ile infestazioni di parassiti usando quello che noi chiamiamo il metodo di "attrai e uccidi" è una delle nostre soluzioni più promettenti", aggiunge.

La FAO promuove la Gestione Integrata delle Infestazioni (IPM) per proteggere le coltivazioni e ridurre i rischi dei pesticidi, una strategia che offre agli agricoltori alternative valide e praticabili per gestire le infestazioni e gli ecosistemi agricoli per un futuro più sostenibile.