FAO :: Sala stampa :: La FAO in azione :: 2006 :: Alle porte dell’Eur… :: Una malattia solo a…
Una malattia solo a volte mortale, ma sempre invalidante
L’afta epizootica non è trasmissibile agli esseri umani, e non uccide sempre gli animali che colpisce. Ma li lascia estremamente deboli, e la guarigione può richiedere mesi.

Secondo Nick Honhold, un esperto di salute animale della FAO in Turchia, "La malattia è particolarmente insidiosa, perché non uccide subito gli animali, ma li rende malati e improduttivi, obbligando gli allevatori a prendersene cura, cosa che può rivelarsi costosa".

"Gli animali all’ingrasso perdono peso, il che significa che le spese sostenute nel tempo dall’allevatore per nutrirli vanno perdute", spiega Honhold. "Gli animali da latte smettono di produrne e possono non riprendere più a causa delle infezioni alla mammella conseguenti al virus. Gli animali da riproduzione possono diventare sterili. E quelli da traino sono troppo deboli per lavorare sui campi, che si traduce ancora una volta in perdita di produttività - e questo è un problema in particolare nel periodo dell’aratura o del raccolto".

Nel frattempo, bisogna regolarmente procedere alla disinfezione di animali e stalle, ed il costo non è insignificante, mentre per mantenere in vita gli animali ci vogliono grosse quantità di foraggio.

Di solito l’afta epizootica è fatale solo per gli animali giovani, non immuni e spesso troppo deboli per resistere, afferma Honhold, mentre gli animali gravidi infettati spesso abortiscono.

Si mobilita il settore privato

In Turchia l’afta epizootica è un problema con cui gli allevatori sono ormai abituati a fare i conti. Ma la maggiore consapevolezza dei costi che comporta comincia ora a tradursi in un più ampio sostegno all’impegno della GDPC ad eliminare la malattia.

"L’industria comincia a rendersi conto che il persistere dell’afta epizootica provoca grandi danni economici", osserva il Dr. Musa Arik, capo dei Servizi di Salute Animale della GDPC. "Non possono esportare la carne che producono a causa dei divieti sui mercati di importazione per i prodotti provenienti da luoghi in cui è stata riscontrata l’afta epizootica. Non ci sono rischi simili per le esportazioni dei prodotti lattiero-caseari, eppure il settore è colpito".

Di conseguenza, continua il Dr. Arik, il mondo imprenditoriale si sta mobilitando sia per affrontare i problemi causati dall’afta epizootica sul campo che per fare pressioni sul governo affinché siano concessi maggiori finanziamenti alla GDPC.

Per saperne di più

Alle porte dell’Europa si combatte contro l’afta epizootica

Una malattia solo a volte mortale, ma sempre invalidante

La storia di due allevatori

Il vaccino dell’UE all’opera

FAO/P. Roeder

Una salivazione molto abbondante è uno dei sintomi dell'afta epizootica

FAO/G. Kourous

Il Dr. Musa Arik della Direzione Generale per la Tutela ed il Controllo (GDPC) della Turchia esamina la strategia di lotta contro la malattia preparata dalla sua agenzia per il 2006

invia quest’articolo
Una malattia solo a volte mortale, ma sempre invalidante
-
Inserire un indirizzo di email.
Inserire un indirizzo di email valido.
 
RSS