FAO :: Sala stampa :: Approfondimenti :: 2005 :: Tsunami un anno dop…
Tsunami un anno dopo, la rinascita delle comunità
La determinazione locale e il lavoro di tanti hanno fatto la differenza
Per i pescatori ed i contadini che vivono lungo le coste dell’Oceano Indiano, i fenomeni climatici estremi sono sempre stati un avversario da affrontare. Durante il monsone le strade sono inondate ed impraticabili, e le comunità costiere restano per giorni isolate dai mercati dove vendere i propri prodotti. I pescatori d’alto mare sfidano le tempeste su imbarcazioni precarie per riuscire a portare a casa il pesce, mentre chi coltiva riso si scontra con intere stagioni senza pioggia. E spesso manca l’acqua potabile.

Nessuna di queste difficoltà aveva però preparato la popolazione alla devastazione provocata dallo tsunami di enormi proporzioni che si è abbattuto senza preavviso sulle coste di 12 paesi dell'Oceano Indiano la mattina del 26 dicembre 2004, sventrando città e villaggi, uccidendo 200.000 persone e lasciandone circa un milione senza casa.

I mezzi di sussistenza sono stati annientati, le case e le scuole rase al suolo, gli uffici distrutti. I pescherecci sono stati scaraventati sui campi, sono scomparsi i porti e le imbarcazioni sono state spezzate come fiammiferi.

L’intera geografia delle coste è stata trasformata. In alcune zone è scomparso il 98 per cento delle foreste di mangrovie, luogo di riproduzione per pesci, granchi e gamberi. In altre sono sorti problemi nuovi. A Sri Lanka, per esempio, i coccodrilli hanno invaso campi coltivati e pascoli, minacciando esseri umani e bestiame.

La risposta mondiale allo tsunami è stata una delle più generose mai registrate. Fondi e soccorsi si sono riversati in abbondanza sull’Indonesia, sullo Sri Lanka e sulla Tailandia – i paesi più colpiti. Le Organizzazioni non governative (ONG) hanno avviato interventi fino al più lontano villaggio della Somalia o al più remoto atollo delle Maldive. I governi hanno consentito ad una moltitudine di aerei stranieri di atterrare d’urgenza per consegnare forniture mediche, tende e cibo. Solo l’India ha potuto declinare le offerte iniziali di assistenza ed ha addirittura mandato soccorsi a Sri Lanka.

Alcuni hanno accusato le autorità di non essere state in grado di rispondere alle aspettative dei sopravvissuti. A volte conflitti interni hanno ostacolato il ritorno alla vita normale. È ormai accettato da tutti che nelle fasi iniziali la burocrazia ha rallentato la ricostruzione, che il coordinamento tra donatori, ministeri e gli altri organismi è stato spesso inadeguato.

Ma ad un anno dalla carneficina sono stati fatti grandi passi avanti per riuscire a dar da mangiare e ad offrire un alloggio ai sopravvissuti, a sgombrare le vasche per l’acquacoltura ed i campi dalle macerie per consentire la ripresa delle attività produttive. Molto rimane ancora da fare adesso che si è passati dalla fase dei soccorsi a quella della ricostruzione e dello sviluppo.

Queste pagine intendono tracciare un profilo della ripresa del settore della pesca e dell’agricoltura in Indonesia, nelle Maldive, a Sri Lanka ed in Tailandia. Nelle interviste con gli uomini impegnati a costruire nuove imbarcazioni e con le donne intente a piantare nuovi alberi nei frutteti dove i loro cari hanno perso la vita, emerge un messaggio di rinascita e di speranza, grazie alla generosità della comunità nazionale ed internazionale.

15 dicembre 2005

Per saperne di più

Tsunami un anno dopo, la rinascita delle comunità

Il ruolo della FAO nel dopo tsunami

Aiutare i sopravvissuti di Aceh a costruirsi un futuro

Rendere la terra di nuovo produttiva

Garantire un’acquacoltura sostenibile

Sri Lanka: si riprogetta la flotta di pescherecci

Creare dei villaggi modello

Gli aiuti raggiungono più di 50 isole

Di nuovo in fiore i frutteti della Tailandia

Per maggiori informazioni:

Luisa Guarneri
Ufficio Stampa FAO
luisa.guarneri@fao.org
(+39) 06 570 56350
(+39) 348 870 5979

Donatella Ortolano
Ufficio Stampa FAO
(+39) 06 570 56524

FAO/P. Singh

Sri Lanka - Si riparano le barche danneggiate dallo tsunami.

invia quest’articolo
Tsunami un anno dopo, la rinascita delle comunità
La determinazione locale e il lavoro di tanti hanno fatto la differenza
La ripresa della pesca e dell’agricoltura in Indonesia, nelle Maldive, a Sri Lanka ed in Tailandia. Dalle interviste emerge un messaggio di rinascita e di speranza.
Inserire un indirizzo di email.
Inserire un indirizzo di email valido.
RSS