FAO :: Sala stampa :: Ultime notizie :: 2005 :: Vietnam: salvare la…
Vietnam: salvare la laguna per assicurare il futuro delle comunità locali
Un progetto FAO finanziato dall’Italia per la gestione integrata della zona lagunare di Tam Giang
Roma, 10 ottobre 2005 – Un progetto della FAO di circa 1,5 milioni di dollari, finanziato dal governo italiano, aiuterà le popolazioni che dipendono dal sistema lagunare della provincia di Thua Thien Hue, in Vietnam, a conservare le risorse e a migliorare le proprie condizioni di vita. È quanto ha reso noto oggi l’agenzia dell’ONU.

Sfruttamento eccessivo della pesca, inquinamento, salinizzazione del terreno e sviluppo selvaggio dell’acquicoltura stanno mettendo a serio rischio la laguna di Tam Giang, una delle più grandi del Sud-Est asiatico, che dà da vivere ad oltre 300.000 persone, tra le più povere del paese.

Negli ultimi anni, pratiche di pesca illegale e la costruzione incontrollata di vasche e vivai d’allevamento hanno causato un serio degrado della costa ed un calo verticale degli stock, con il conseguente impoverimento delle comunità per le quali la laguna rappresenta l’unica fonte di sicurezza alimentare, di occupazione e di reddito.

Una gestione integrata a salvaguardia dell’ecosistema

Il progetto IMOLA (chiamato così dall’acronimo inglese) che oltre al supporto degli esperti FAO si è avvalso anche dell’apporto tecnico-scientifico di biologi marini e di geografi delle Università di Ancona e di Siena, intende promuovere una gestione integrata di tutte le attività della laguna: pesca, acquicoltura, agricoltura e turismo, a partire da un uso sostenibile delle risorse. Per far questo è importante comprendere quali sono le questioni idro-biologiche da affrontare con urgenza per evitare l’esaurimento degli stock e per ridurre l’impatto ambientale.

Il progetto prevede, tra l’altro, un’adeguata formazione professionale per le comunità di pescatori, che miglioreranno così le proprie capacità tecniche di gestione della pesca e dell’acquicoltura e di commercializzazione dei prodotti.

Il governo vietnamita verrà, inoltre, assistito nella stesura di un piano generale di intervento. Verrà realizzata una mappatura delle risorse e delle attività e sarà creato un database computerizzato basato sul Sistema di Informazioni Geografiche (GIS), nell’intento di trovare un giusto equilibrio tra lo sfruttamento delle risorse ittiche da parte della popolazione e la necessità di proteggerle, pena la perdita dell’intero sistema.



Per maggiori informazioni:
Luisa Guarneri
Ufficio Stampa FAO
luisa.guarneri@fao.org
(+39) 06 570 56350
(+39) 348 870 5979

Per maggiori informazioni:

Luisa Guarneri
Ufficio Stampa FAO
luisa.guarneri@fao.org
(+39) 06 570 56350
(+39) 348 870 5979

FAO/R.Van Anrooy

Vasche per l’acquacoltura nella laguna di Tam Giang

invia quest’articolo
Vietnam: salvare la laguna per assicurare il futuro delle comunità locali
Un progetto FAO finanziato dall’Italia per la gestione integrata della zona lagunare di Tam Giang
10 ottobre 2005 – Un progetto della FAO di circa 1,5 milioni di dollari, finanziato dall'Italia, aiuterà le popolazioni della provincia di Thua Thien Hue, in Vietnam, a conservare le risorse e a migliorare le proprie condizioni di vita.
Inserire un indirizzo di email.
Inserire un indirizzo di email valido.
RSS