FAO :: Sala stampa :: Ultime notizie :: 2006 :: Con la FAO per mett…
Con la FAO per mettere la fame in fuori gioco
Domenica prossima da tutti gli stadi d’Italia un appello alla solidarietà
Roma, 12 gennaio 2006 – La Lega Calcio dedicherà la giornata del 15 gennaio 2006 alla lotta contro la fame.

Domenica prossima su tutti i campi di calcio di serie A, dieci minuti prima delle partite, verranno esposti striscioni per invitare gli spettatori e tutta la società civile ad impegnarsi in prima persona nella lotta contro la fame e la povertà a fianco della FAO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura.

Promotore dell’iniziativa è stato Roberto Baggio, “Codino” per i suoi tifosi, Ambasciatore di Buona Volontà dell’Agenzia delle Nazioni Unite e da anni impegnato su questo fronte.

“Nella mia qualità di calciatore e di Ambasciatore di Buona Volontà della FAO”, dice Roberto Baggio, “sento il dovere morale di dare tutto il mio sostegno alla FAO nella sua campagna globale contro la fame, il programma TeleFood, e rivolgo al pubblico dei tifosi del calcio un forte appello in questo senso”.

Progetti piccoli ma efficaci

Il programma TeleFood della FAO finanzia piccoli progetti nel settore agricolo, zootecnico ed ittico a sostegno delle famiglie povere, con costi compresi tra 5.500 e 11.000 euro. Tutti i soldi sono interamente dedicati al progetto e nulla viene speso per costi amministrativi.

L’impatto di questi progetti è enorme, ne sono esempio gli orti scolastici per gli orfani dell'AIDS dello Zambia, che danno da mangiare a circa 1000 bambini, o la nuova pompa diesel che ha portato l'acqua in un villaggio dell'Honduras, o i 20 frigoriferi e le 60 bilance che hanno aiutato gruppi di donne in Burkina Faso a trarre maggiore profitto dalla vendita del pesce.

Dal 1997, quando il Programma TeleFood è stato lanciato, la campagna di concerti, eventi sportivi e televisivi, insieme all’impegno di personalità del mondo dello spettacolo, dello sport, della cultura - i cosiddetti Ambasciatori di Buona Volontà - si sono raccolti oltre 15 milioni di dollari con i quali si sono potuti finanziare piu di 2000 progetti in 127 paesi.

“Sta a noi infondere nuovo slancio al processo di solidarietà e far sì che un mondo giusto si consolidi, che diventi soprattutto un mondo libero dalla fame”, continua Roberto Baggio. “Perché la fame non è un male inevitabile. Sta a noi, a noi, fare la differenza. E’ tempo di guardare in alto, è tempo di un nostro generoso impegno”.

Si possono sostenere i micro-progetti TeleFood della FAO tramite donazioni al conto corrente TeleFood n. 2233445/01 presso Banca IntesaBci, Filiale FAO, Viale delle Terme di Caracalla, 00100 Roma.

Per maggiori informazioni:
Luisa Guarneri
Ufficio Stampa FAO
luisa.guarneri@fao.org
(+39) 06 570 56350
(+39) 348 870 5979

Per maggiori informazioni:

Luisa Guarneri
Ufficio Stampa FAO
luisa.guarneri@fao.org
(+39) 06 570 56350
(+39) 348 870 5979

FAO/J.Razuri

Perù - Una ragazza mostra con orgoglio i primi frutti del suo orto scolastico.

FAO/Djibril Sy

Grazie ad un progetto TeleFood questa famiglia di Capoverde dispone di una dieta più nutriente.

invia quest’articolo
Con la FAO per mettere la fame in fuori gioco
Domenica prossima da tutti gli stadi d’Italia un appello alla solidarietà
12 gennaio 2006 - La Lega Calcio su proposta di Roberto Baggio dedicherà la giornata del 15 gennaio 2006 alla lotta contro la fame.
Inserire un indirizzo di email.
Inserire un indirizzo di email valido.
RSS