FAO :: Sala stampa :: Ultime notizie :: 2008 :: La cantante Mirian …
La cantante Mirian Makeba incontra le donne vittime di stupro nella R.D. Congo
Sostegno alle donne in una fase di pace precaria
Kinshasa, 13 marzo 2008 – La cantante ed attivista Miriam Makeba ha affermato che le donne sopravvissute ad una violenza sessuale nella Repubblica democratica del Congo devono fare i conti con una “triplice tragedia”: un danno fisico, psicologico e sociale, che compromette gravemente gli sforzi di ricostruzione del paese dopo anni di guerra civile.

La signora Makeba, a Kinshasa per una visita di quattro giorni nel suo ruolo di Ambasciatrice di buona volontà della FAO, visiterà alcuni progetti agricoli creati per aiutare le vittime di stupro a sostenere le proprie famiglie e riacquistare fiducia in se stesse e sarà accompagnata dal Ministro per le Pari Opportunità, la Famiglia e l’infanzia della R.D. Congo Signora Philomène Omatuku. Nell’ambito del progetto FAO sono stati distribuiti alle donne sementi ed attrezzi e sono stati organizzati corsi di formazione agricola.

La cantante, che ha vinto nel 1986 il Premio Dag Hammarskjöld per la Pace, ha definito lo stupro sistematico delle donne degli ultimi anni “l’aspetto più spaventoso della complessa situazione d’emergenza” della Repubblica democratica del Congo, per estensione il terzo paese dell’Africa.

“Per l’80 per cento delle famiglie della Repubblica democratica del Congo sono le donne a garantire la sopravvivenza. Tuttavia, nonostante il loro ruolo cruciale per il sostentamento della famiglia, sono spesso vittime di stupro e di violenza sessuale”, ha affermato Miriam Makeba. “Nella sola provincia di Nord Kivu nel 2006 si sono registrati 27.000 casi di violenza sessuale”.

Grandi potenzialità

La Repubblica democratica del Congo ha “un notevole potenziale di crescita economica”, ha affermato la cantante sudafricana, sostenitrice attiva della campagna FAO contro la fame nel mondo sin dalla sua nomina come Ambasciatrice di buona volontà, avvenuta nel 1999. “Ciononostante il 70 per cento della popolazione ha difficoltà a procurarsi cibo sufficiente, i tassi di malnutrizione sono in aumento e circa 3.5 milioni di persone sono morte negli ultimi 20 anni a causa di violenze, carestie e malattie”.

L’unità di coordinamento FAO per l’emergenza e la ricostruzione, in collaborazione con altre agenzie delle Nazioni Unite, con organizzazioni non governative e con le autorità locali, ha fornito assistenza a 500.000 famiglie, vale a dire a più di 2 milioni di persone. La FAO entro quest'anno estenderà i suoi interventi di assistenza sino ad un totale di 800.000 famiglie.

I progetti FAO hanno fornito attrezzatura agricola e per la pesca, sementi di qualità e piante prive di parassiti. Inoltre sono state riparate le strade per facilitare l’accesso ai mercati. I programmi hanno dato priorità ai gruppi più vulnerabili, sfollati, bambini denutriti ed ex-combattenti.

La signora Makeba ha esortato la comunità internazionale a non dimenticare la crisi in atto nella Repubblica democratica del Congo e ha affermato: “Mi piacerebbe che la mia visita in questo paese fosse un’opportunità per rinnovare e rafforzare il nostro impegno e assicurare a vittime innocenti che soffrono la fame l’accesso alle risorse necessarie per coltivare la speranza di una vita migliore”.

Il programma di Miriam Makeba include inoltre una visita ad un progetto per le famiglie colpite dal virus HIV/AIDS, incontri con rappresentanti governativi ad alto livello. Incontrerà infine rappresentanti delle agenzie ONU e di organizzazioni non governative presenti nel paese.
Per maggiori informazioni:
Ufficio stampa FAO
FAO-Newsroom@fao.org
(+39) 06 570 53625

Per maggiori informazioni:

Ufficio stampa FAO
FAO-Newsroom@fao.org
(+39) 06 570 53625

FAO/G. Napolitano

L'ambasciatrice di buona volontà della FAO, Miriam Makeba, arriva all'aeroporto di Kinshasa

Audio

La signora Makeba parla della sua visita in R.D. Congo (1'03" in inglese) (mp3)

invia quest’articolo
La cantante Mirian Makeba incontra le donne vittime di stupro nella R.D. Congo
Sostegno alle donne in una fase di pace precaria
13 marzo 2008 – Secondo l’ambasciatrice di buona volontà della FAO è triplice la tragedia delle donne sopravvissute ad una violenza sessuale, hanno subito un danno fisico, psicologico e sociale.
Inserire un indirizzo di email.
Inserire un indirizzo di email valido.
RSS