FAO :: Sala stampa :: Ultime notizie :: 2008 :: Manioca: preziosa p…
Manioca: preziosa per la sicurezza alimentare ed energetica
Investimenti nella ricerca per incrementarne i rendimenti e l’uso industriale
Roma, 25 luglio 2008 – La coltivazione della manioca, diffusissimo tubero tropicale, potrebbe contribuire alla sicurezza alimentare ed energetica dei paesi poveri minacciati dall’attuale rialzo delle derrate alimentari e del petrolio, secondo quanto ha affermato oggi la FAO.

Nel corso di una conferenza internazionale svoltasi a Gent, in Belgio, esperti e studiosi del settore hanno sollecitato maggiori investimenti nella ricerca e nello sviluppo al fine di aumentare i rendimenti dei contadini e per esplorare promettenti impieghi industriali della manioca, come per esempio la produzione di biocarburanti.

Un network internazionale

Gli esperti, che hanno costituito un network internazionale chiamato Partnership Mondiale della Manioca, affermano che la comunità internazionale non può continuare ad ignorare la difficile situazione dei paesi tropicali a basso reddito che sono stati i più colpiti dall’aumento dei prezzi del petrolio e dall’inflazione galoppante dei prezzi alimentari.

La manioca, ampiamente coltivata in Africa tropicale, in Asia e in America Latina, a livello mondiale è la quarta coltivazione per importanza nei paesi in via di sviluppo, con una produzione stimata nel 2006 di 226 milioni di tonnellate. È l’alimento base di circa un miliardo di persone in 105 paesi, dove questi tuberi forniscono oltre un terzo delle calorie quotidiane, oltre ad avere un enorme potenziale non sfruttato – attualmente i rendimenti medi della manioca sono appena del 20 per cento rispetto a quelli che si potrebbero ottenere in condizioni ottimali.

La manioca è anche la fonte di amido più economica che esista, ed è utilizzata in più di 300 prodotti industriali. Una promettente applicazione è la fermentazione dell’amido per la produzione di etanolo utilizzato come biocombustibile.

La FAO tuttavia avverte che qualsiasi politica che incoraggi un cambiamento verso la produzione di biocarburanti non può prescindere dal considerare gli effetti che questo potrebbe avere sulla produzione e sulla sicurezza alimentare.

Una coltivazione “orfana”

Nonostante la domanda crescente e le possibilità che offre la sua produzione, la manioca resta per così dire una “coltivazione orfana”. Viene coltivata da piccoli agricoltori tagliati fuori dai canali di commercializzazione e di lavorazione agro-industriale, ed in aree con scarso accesso, se non nullo, a varietà migliorate, ai fertilizzanti e ad altri input produttivi. I governi non hanno ancora fatto gli investimenti necessari per incrementarne il valore aggiunto, fattore che renderebbe competitiva la produzione dell’amido di manioca su scala internazionale.

La conferenza di Gent è stata la prima conferenza scientifica della Partnership Mondiale della Manioca, un consorzio formato - sotto l'egida della FAO e facilitato dalla Strategia Globale per lo Sviluppo della Manioca - da organizzazioni internazionali, - tra cui la FAO, il CIAT, l’IFAD e l’IITA - istituti nazionali di ricerca, ONG e partner privati.

I partecipanti alla conferenza hanno discusso dello stato attuale della produzione mondiale della manioca e delle sue prospettive future. Hanno concordato su diversi nuovi progetti, che saranno offerti subito alla comunità dei donatori, e su una serie di investimenti necessari affinché la manioca possa sviluppare appieno il suo potenziale per affrontare la crisi alimentare ed energetica mondiale.

Tra le iniziative concordate la creazione di un sistema di distribuzione a catena per canalizzare i progressi tecnici ai contadini poveri lungo tutta la filiera “dalle sementi al campo al mercato”, l’incremento della fertilità del suolo attraverso una migliore gestione ed un maggiore utilizzo dei mezzi produttivi, il miglioramento delle conoscenze scientifiche di base sulla manioca, come la genomica, l'espansione del mercato attraverso lo sviluppo di prodotti post-raccolto, e la formazione per la prossima generazione di ricercatori di manioca nei paesi in via di sviluppo.
Contatto:
Ufficio stampa FAO
FAO-Newsroom@fao.org
(+39) 06 570 53625

Per maggiori informazioni:

Ufficio stampa FAO
FAO-Newsroom@fao.org
(+39) 06 570 53625

© FAO/Giulio Napolitano

La manioca è per importanza la quarta coltivazione dei paesi in via di sviluppo.

invia quest’articolo
Manioca: preziosa per la sicurezza alimentare ed energetica
Investimenti nella ricerca per incrementarne i rendimenti e l’uso industriale
25 luglio 2008 – Nel corso di una conferenza internazionale a Gent, in Belgio, esperti di manioca hanno sollecitato maggiori investimenti nella ricerca per aumentarne la resa ed esplorarne i possibili impieghi industriali, come la produzione di biocarburanti.
Inserire un indirizzo di email.
Inserire un indirizzo di email valido.
RSS