FAO/ITALY COOPERATIVE PROGRAMME
 

Sicurezza Alimentare attraverso la Commercializzazione dell'Agricoltura (FSCA)

Nel quadro delle attività realizzate attraverso il Contributo Italiano al Fondo Fiduciario Globale della FAO per la Sicurezza Alimentare, numerosi progetti in diversi paesi e regioni seguono un strategia comune per migliorare la Sicurezza Alimentare attraverso la Commercializzazione dell'Agricoltura (Food Security through Commercialization of Agriculture, FSCA).

Questo approccio è stato avviato a partire dal 2006, basandosi sulla collaborazione con la Divisione delle Infrastrutture Rurali e Agro-industrie della FAO (AGS), che ha messo a disposizione i contenuti tecnici, e il Servizio di Sicurezza Alimentare della FAO (TCSF), che ha garantito un'adeguata integrazione con i programmi della FAO giá esistenti, come i Programmi Nazionali di Sicurezza Alimentare.

L'obiettivo principale di questa strategia è quello di sostenere lo sviluppo dell'agricoltura e di trasformarla in un settore moderno, competitivo e commercialmente dinamico, rispettando gli ecosistemi locali e contribuendo al miglioramento economico e sociale delle comunitá rurali.

In effetti al giorno d'oggi, il 75 per cento dei poveri nei paesi in via di sviluppo vive in aree rurali, quindi rafforzare il settore agricolo significa non solo migliorare l'accesso al cibo, ma anche creare un ambiente sostenibile per migliorare la sicurezza alimentare e lo sviluppo economico. La maggioranza di questi piccoli agricoltori affronta diverse difficoltá nell’attivitá agricola, talora riscontrando perdite dopo il raccolto, essendo esclusi dai mercati nazionali ed internazionali e non riuscendo ad aggiungere valore alla loro produzione. Talvolta non hanno accesso alla tecnologia e a alle risorse basiche, proprio a causa di investimenti insufficienti e scarsa produttivitá. Tutti questi fattori influiscono negativamente sui loro redditi, causando insicurezza alimentare per le loro famiglie.

La strategia FSCA affronta questi problemi cercando di creare possibilitá per piccoli agricoltori e piccole-medie imprese (PMI) impegnate nel settore agricolo. Pertanto agli agricoltori vengono trasmesse informazioni e nuove tecnologie agricole coinvolgendoli lungo tutta la catena alimentare (produzione, trasformazione, commercio e consumo di prodotti alimentari). La strategia richiede il superamento di limiti identificati come punti deboli e strozzature, come la mancanza di collegamenti con i canali di commercializzazione, i problemi di qualità e sicurezza dei prodotti, bassa produzione e bassa produttività.

Valorizzare la commercializzazione dell'agricoltura nelle aree con potenzialità di mercato aiuta a identificare nuove opportunità commerciali. Sostenere l'adozione di tecnologie consente di aumentare la produzione, la produttività e anche i redditi degli agricoltori, minimizzando allo stesso tempo la volatilità dei prezzi e promuovendo un uso sostenibile delle risorse naturali, al fine di garantire la sicurezza alimentare in qualsiasi paese.

La strategia FSCA è costruita attorno alle seguenti componenti, come riportato nella figura sotto:

Sicurezza Alimentare attraverso la Commercializzazione dell'Agricoltura

In alcuni casi, la strategia FSCA è sviluppata a livello regionale al fine di: facilitare l'accesso ai mercati regionali e internazionali, rispettando gli standard di sicurezza alimentare e di commercializzazione; rafforzare gli scambi transfrontalieri; armonizzare le politiche e le istituzioni, sostenere la competitività agricola e la modernizzazione. I progetti finanziati con il contributo italiano includere determinate coinvolgimento diretto delle organizzazioni in questione economica regionale (REOS).

Indirettamente i progetti FSCA beneficio diversi soggetti hanno nella catena alimentare, come i commercianti locali e nazionali, agro-alimentari, buyer e consumers.The intera comunità può anche avere accesso a una maggiore disponibilità di cibo di qualità superiore.

Le esperienze e gli insegnamenti tratti sono condivisi fra i progetti italiani finanziati e iniziative pilota di successo viene replicato a livello nazionale e / o a livello regionale.

  • GTFS/SEN/060/ITA Project© FAO
  • GTFS/RLA/141/ITA Project© FAO
  • GTFS/ETH/067/ITA Project© FAO
  • GTFS/MLI/030/ITA Project© FAO
  • GTFS/RAF/391/ITA Project© FAO