Carlo Petrini

"Il vero cambiamento può verificarsi ogni giorno a tavola se usiamo i nostri acquisti alimentari per sostenere modelli agricoli che dimostrano attenzione per la terra e per chi la coltiva"

Italia

Carlo Petrini è il fondatore del movimento Slow Food, nato in Italia per promuovere l'uso di alimenti coltivati ​​localmente e l'agricoltura sostenibile. È inoltre Ambasciatore di Buona Volontà della FAO per Fame Zero in Europa. Sostiene che i consumatori informati possono fare scelte quotidiane che orientano il futuro verso una maggiore sostenibilità.

Secondo Petrini "il vero cambiamento può verificarsi ogni giorno a tavola se usiamo i nostri acquisti alimentari per sostenere modelli agricoli che dimostrano attenzione per la terra e per chi la coltiva".

Petrini esorta i consumatori a ridurre gli sprechi, a ridurre il consumo di carne, a evitare l'uso di plastica monouso e ad aumentare la loro consapevolezza di ciò che mettono nei loro piatti ogni giorno e come questo possa influenzare il potere che il cibo ha su scala globale.

Petrini ha utilizzato Slow Food e l'Università di Scienze Gastronomiche per promuovere il suo approccio a Fame Zero e, ancor prima di essere nominato Ambasciatore Speciale, ha collaborato con la FAO per promuovere la produzione alimentare inclusiva e l'agricoltura familiare. Petrini apprezza le nuove iniziative in Europa, che stanno ponendo l'accento sul cibo come strumento di politica con una grossa influenza sulle dinamiche socio-economiche del mondo.

Back to stories page