Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura

16 Ottobre 2021

Giornata Mondiale dell'Alimentazione

Celia Muñoz

“Stare nella natura o aiutare i miei clienti mi rende felice. Grazie al mio lavoro a La Huerta, ho un nuovo rispetto nei confronti degli alimenti, in particolare per quelli che posso coltivare io stessa, in quanto naturali e di provenienza locale”.
13/07/2021

Spagna 

Da circa otto anni Celia Muñoz lavora presso La Huerta de A LA PAR, un’iniziativa di coltivazione biologica rivolta alla comunità, lanciata dalla fondazione A LA PAR. A pochi chilometri dal centro di Madrid, La Huerta mette a disposizione 200 orti per il giardinaggio urbano. Persone con disabilità intellettiva come Celia vengono formate sull’orticoltura e sulla cura degli orti. 

“Dovremmo creare più orti urbani per favorire l’accesso a cibi salubri per chi vive in città”. 

Secondo Celia iniziative locali come La Huerta de A LA PAR vanno maggiormente incentivate. Con il suo lavoro ha risposto all’appello della FAO, che invita tutti a fare la loro parte per trasformare i sistemi agroalimentari affinché siano più inclusivi, aprendo le comunità ai cibi salubri e alla natura. La sua esperienza dimostra i molteplici vantaggi della produzione alimentare sostenibile negli orti comunitari, come vivere a stretto contatto con la natura, imparare a coltivare e stimolare il nostro apprezzamento per cibi nutrienti, biologici e coltivati in loco.

Durante la pandemia Celia e i suoi colleghi hanno distribuito cestini alimentari per cercare di garantire la sicurezza alimentare alla comunità locale. La condivisione delle conoscenze sulle diete sostenibili e sugli alimenti locali è un aspetto fondamentale della mission di La Huerta. Attraverso iniziative rivolte ai giovani, Celia sensibilizza i consumatori sull’alimentazione sana, insegnando ai bambini in età scolare l’importanza della biodiversità e della necessità di includere cibi freschi e di alta qualità nella nostra dieta. Spera inoltre che La Huerta possa aiutare i governi e le aziende private a riconoscere i benefici dell’agricoltura biologica. 

“Le aziende e i governi dovrebbero essere maggiormente coinvolti nell’agricoltura biologica, perché offre molti più benefici rispetto ad altri metodi di produzione. Dovrebbero visitare orti come il nostro per vedere come vengono coltivati questi alimenti per apprezzarli di più”. 

A LA PAR e la sua iniziativa La Huerta sostiene la partecipazione di persone con disabilità intellettive, come Celia, affinché si rendano più indipendenti e, allo stesso tempo, crea città più verdi e sistemi alimentari più inclusivi per la comunità. Celia e tutte le persone che operano ad A LA PAR sono eroi dell’alimentazione impegnati a creare un futuro più sostenibile per le persone e per il pianeta.