Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura

16 Ottobre 2022

Giornata Mondiale dell'Alimentazione

Shelley Burich

“Quando hanno chiuso le frontiere ho dovuto trovare un modo per continuare a produrre ed esportare al di fuori delle Samoa”. 
28/09/2022

Samoa 

Circa 15 anni fa, quando Shelley Burich ha iniziato a coltivare la vaniglia, era solo un hobby abbinato al suo lavoro a tempo pieno di Amministratore Delegato di un’associazione di beneficenza nella sua nativa Samoa. Ha imparato con la pratica, coltivando i primi rampicanti all’ombra degli alberi del suo giardino, per poi realizzare una serra.  

La coltivazione della vaniglia – afferma – richiede tempo e competenze: tutti i fiori vengono impollinati a mano e le piante impiegano cinque anni per produrre le prime bacche aromatiche.  

“Siamo una piantagione di vaniglia biologica”, spiega, il che prevede anche la produzione di pacciamatura e fertilizzanti con gusci di cocco e bucce di banana.  

L’obiettivo è produrre baccelli con un alto grado di vanillina: più alta è la vanillina, migliore è la qualità. Questo processo richiede una cura costante.  

Oggi Shelley è l’unica coltivatrice di vaniglia a fini commerciali nelle Samoa e si prende cura di 500 piante e della fiorente attività online, che vende prodotti eccellenti a clienti attenti alla qualità. 

“Oggi vendo i miei prodotti in Irlanda, Giappone, Canada, Nuova Zelanda... sono richiesti ovunque”, aggiunge.   

“Esportiamo i nostri baccelli di altissima qualità e dagli altri ricavo prodotti a valore aggiunto, come sciroppi, estratti e polvere di vaniglia”.   

Sorprendentemente, la pandemia ha incrementato la sua attività.   

“Prima del COVID, contavo molto sui turisti che venivano sull’isola per visitare la mia piantagione di vaniglia”, ricorda. “Quando hanno chiuso le frontiere ho dovuto trovare un modo per continuare a produrre ed esportare al di fuori delle Samoa”.  

Shelley si è mossa con astuzia. Ha seguito un corso online di e-commerce per donne indigene, poi ha creato online il suo negozio Shopify, iniziando a commercializzare baccelli e sciroppi sulle piattaforme social.   

Nel 2021, in soli quattro mesi, ha realizzato lo stesso reddito dell’anno precedente.   

Oggi organizza lezioni online e, per una modica cifra, insegna a persone in tutto il mondo come coltivare la vaniglia.   

Intende mantenere il suo status di produttrice di nicchia di piccoli lotti di vaniglia di qualità eccezionale nel Pacifico.   

Invece di espandere la sua azienda, aiuta altre donne delle Samoa a entrare in attività, visitando le loro terre per dare consigli sulle infrastrutture e fornire i primi rampicanti.    

Il suo messaggio alle altre donne? “Non fatevi intimidire dalle sfide”. 

Shelley sta inoltre collaborando con la FAO e con il Campus di Samoa dell’Università del Pacifico meridionale (USP) per formare coltivatori di vaniglia su piccola scala, con un occhio particolare alle donne, al fine di rafforzare e incrementare la produzione di vaniglia nelle Samoa.   

Leggi la storia completa su IPS News.