Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura

16 Ottobre 2022

Giornata Mondiale dell'Alimentazione

Esteban Gallie

“Mi piacerebbe guadagnarmi da vivere offrendo servizi ecosistemici e lana di qualità”.
28/09/2022

Argentina

La storia di Esteban Gallie inizia con il suo bisnonno, che alla fine del XIX secolo aveva una fattoria chiamata “Morro Chico” nella provincia di Santa Cruz, Argentina. Nel 2000 Esteban rilevò la fattoria di 27.000 ettari nel cuore della Patagonia, a duecento chilometri dalla città di Río Gallegos, al confine con il Cile. La sua era una missione molto speciale: allevare ovini e bovini, prendersi cura dei pascoli, dell’acqua e della biodiversità. Questa forma di produzione, che prevede l’associazione degli animali con la vegetazione autoctona, è tecnicamente conosciuta come “gestione forestale con allevamento integrato”, in spagnolo “manejo de bosques con ganadería integrada” (MBGI). 

“Volevo trasformare il posto e migliorarlo completamente”, ricorda Esteban. Qualche anno fa suo padre gli ha dato una mano, insegnandogli a riconoscere il sovrapascolo, quando cioè gli animali mangiano troppo e il suolo ne risente. Partendo da questo concetto, Esteban si è riproposto di realizzare un’azienda zootecnica olistica, rigenerativa e attenta all’ambiente.  

Quando arrivò alla fattoria, c’erano 12.000 pecore e 700 mucche. Oggi ha 8.500 pecore per la tosatura e 600 mucche per la riproduzione e l’allevamento. Anche se ha meno bestiame, i campi, i pascoli e gli animali godono di ottima salute.   

“Mi piacerebbe guadagnarmi da vivere offrendo servizi ecosistemici e lana di qualità, promuovendo il benessere degli animali, la responsabilità sociale e la cura dell’ambiente”, afferma con entusiasmo. Benessere degli animali, pascoli e foreste in buona salute e vivere in armonia con la fauna autoctona sono gli obiettivi che si è posto Esteban, con il fine ultimo di unire la produzione alla conservazione della biodiversità. Oggi Esteban a Morro Chico ha recuperato la ricchezza naturale della zona e la sua azienda agricola è diventata un sito pilota per la gestione forestale con allevamento integrato e un centro di formazione per le persone interessate. 

Questa storia è stata tratta da un articolo pubblicato su La Nación