L’Assemblea Generale dell’ONU ha dichiarato il 2021 Anno Internazionale della Frutta e della Verdura  (AIFV).

La FAO è l’agenzia capofila nelle celebrazioni, in collaborazione con altre organizzazioni e organismi del sistema delle Nazioni Unite.

L’AIFV 2021 rappresenta un’opportunità unica per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della frutta e della verdura per l’alimentazione umana, la sicurezza alimentare e la salute, nonché per realizzare gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU. 

Linee d’azione dell’AIFV 2021

  1. Promozione e sensibilizzazione
    • Sensibilizzare l’opinione pubblica su come la frutta e la verdura contribuiscano a migliorare l’alimentazione, la diversità delle diete e la salute; su come incidano su società, economia e ambiente; e su come favoriscano lo sviluppo sostenibile.
    • Promuovere gli obiettivi dell’Anno, favorendone l’integrazione nelle agende di sviluppo nazionale, regionale e globale.
    • Stimolare un dibattito mondiale su vari aspetti legati alla frutta e alla verdura e sul loro contributo agli OSS e ad altre pertinenti linee guida e convenzioni globali.
  2. Creare e diffondere il sapere
    • Far capire meglio come i vari aspetti legati ai sistemi alimentari basati sulla frutta e sulla verdura diano il loro contribuito alla società, all’economia e alla sostenibilità ambientale, sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo; creare messaggi informativi basati sull'evidenza.
    • Promuovere strumenti e meccanismi per monitorare e misurare gli effetti positivi e negativi dei vari aspetti dell’AIFV 2021.
  3. Livello decisionale
    • Promuovere politiche, leggi e normative basate sull'evidenza; scambiare buone pratiche che permettano di valorizzare al massimo il contributo della frutta e della verdura allo sviluppo sostenibile, alla crescita economica rurale e ai mezzi di sussistenza, alla salubrità alimentare e alla promozione di diete sane, diversificate ed equilibrate.
    • Incoraggiare approcci olistici e integrati nel gestire i sistemi alimentari basati su frutta e verdura tramite politiche nazionali trasversali che contribuiscano al raggiungimento degli OSS e dei traguardi delle relative linee guida e convenzioni globali.
    • Stimolare i partenariati e la cooperazione fra i settori pubblico e privato sui vari aspetti dell’AIFV 2021, compresa la ricerca.
    • Favorire gli investimenti per l’innovazione e lo sviluppo delle infrastrutture, al fine di promuovere il consumo e la produzione sostenibile di frutta e verdura e di ridurre perdite e sprechi.
  4. Sviluppo delle capacità e formazione
    • Per sostenere l’elaborazione e l’attuazione di programmi e di politiche di formazione (come programmi di refezione scolastica, orti scolastici, orti urbani e periurbani, orti pensili, posti di lavoro sani, alfabetizzazione alimentare, programmi di formazione a livello comunitario su perdite e sprechi alimentari e il materiale didattico per promuovere i vantaggi della produzione e del consumo di frutta e verdura, i relativi effetti su salute e alimentazione, e altre tematiche riguardanti l’AIFV 2021.
    • Integrare meglio l’educazione alimentare, sottolineando l’importanza della frutta e della verdura nello sviluppo dei piani di studio, in linea con l’Agenda 2030 e gli OSS.
    • Responsabilizzare le parti interessate, soprattutto le donne e i giovani, sviluppandone le conoscenze e le competenze in materia di produzione, trattamento successivo al raccolto, trasformazione, preparazione, commercializzazione e consumo di frutta e verdura.

Guarda il video promozionale

Condividi questo video sui social media per incoraggiare ad agire per
#IYFV2021


Scopri di più


Lancio ufficiale dell’AIFV 2021
Il Direttore Generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), QU Dongyu, ha ufficialmente dato il via all'Anno internazionale della frutta e della verdura 2021 (AIFV), il 15 dicembre 2020, con un appello a migliorare la produzione alimentare, rendendola più sana e sostenibile attraverso l'innovazione e la tecnologia, nonché a ridurre le perdite e gli sprechi alimentari.
Scopri di più |Leggi la web story | Programma | Biografia degli oratori

Guarda il lancio ufficiale

L'Anno Internazionale della Frutta e della Verdura (AIFV 2021) Documento di riferimento

Il presente documento di riferimento non si limita a illustrare quanto sia benefico il consumo di frutta e verdura, ma esamina anche i vari aspetti del settore ortofrutticolo dalla prospettiva del sistema alimentare, ossia a partire dalla produzione e da un commercio sostenibili fino alla gestione delle perdite alimentari e dei rifiuti.  Il documento offre una panoramica del settore nonché un quadro di riferimento e spunti di discussione in occasione delle celebrazioni dell’IYFV, evidenziando sia le relazioni tra parti interessate sia le principali problematiche su cui concentrare l’azione.

Download

Cosa sono la frutta e la verdura

La frutta e la verdura sono le parti edibili dei vegetali (per es. strutture porta-seme, fiori, boccioli, foglie, gambi, germogli e radici), coltivati o di origine selvatica, allo stato grezzo o minimamente trasformati.

Definizione di frutta e verdura ai fini dell’Anno Internazionale della Frutta e della Verdura

La frutta e la verdura sono le parti edibili dei vegetali (per es. strutture porta-seme, fiori, boccioli, foglie, gambi, germogli e radici), coltivati o di origine selvatica, allo stato grezzo o minimamente trasformati.

La definizione esclude:
  • I tuberi e le radici amidacee come la manioca, la patata, la patata dolce e gli ignami (benché le foglie di questi vegetali siano consumate come verdure).
  • I legumi da granella secca tranne se raccolti ancora non maturi.
  • I cereali, compreso il mais, tranne se raccolti ancora non maturi.
  • Frutta a guscio, semi e semi oleosi come noci di cocco, noci e semi di girasole.
  • Le spezie, le piante erbacee e i medicinali, tranne se usate come vegetali.
  • Stimolanti come tè, cacao e caffè.
  • I prodotti trasformati e altamente trasformati derivanti da frutta e verdura (per es. vino, spiriti), i sostitutivi della carne a base vegetale o i prodotti a base di frutta e di verdura con ingredienti aggiunti (per es. succhi di frutta confezionati, ketchup).


La frutta e la verdura minimamente trasformate sono la frutta e la verdura sottoposte a processi di lavaggio, cernita, spuntatura, sbucciatura, affettatura o spezzettatura, che non incidono sulla qualità del prodotto fresco.

Gli alimenti minimamente trasformati mantengono la maggior parte delle loro proprietà intrinseche fisiche, chimiche, sensoriali e nutritive. Molti alimenti minimamente trasformati sono nutritivi come quelli non trasformati: per esempio, la frutta affettata, la frutta confezionata, le insalate di verdura, la frutta o la verdura secche o congelate.

Obiettivi dell’AIFV 2021

  1. Sensibilizzare l’opinione pubblica e orientare le politiche sui vantaggi per la salute e l’alimentazione derivanti dal consumo di frutta e verdura.
  2. Promuovere diete e stili di vita sani, diversificati ed equilibrati attraverso il consumo di frutta e verdura.
  3. Ridurre le perdite e gli sprechi nei sistemi alimentari basati sulla frutta e sulla verdura.
  4. Condividere le migliori pratiche riguardanti i seguenti aspetti:
    1. Una promozione del consumo e della produzione sostenibile di frutta e verdura che contribuisca ai sistemi alimentari sostenibili.
    2. Migliorare la sostenibilità di stoccaggio, trasporto, commercio, lavorazione, trasformazione, vendita al dettaglio, riduzione degli sprechi e riciclaggio, nonché le interazioni fra questi processi.
    3. Integrazione dei piccoli agricoltori, compresi gli agricoltori familiari, nelle catene di produzione locale, regionale e globale, e nelle catene di valore/fornitura per una produzione sostenibile di frutta e verdura, riconoscendo il contributo della frutta e della verdura, compresi gli ecotipi/le varietà locali, alla loro sicurezza alimentare, nutrizione, mezzi di sussistenza e redditi.
    4. Rafforzare la capacità di tutti i paesi, soprattutto di quelli in via di sviluppo, di adottare tecnologie e approcci innovativi nel combattere le perdite e gli sprechi di frutta e verdura.

Obiettivi dell’AIFV 2021

  1. Sensibilizzare l’opinione pubblica e orientare le politiche sui vantaggi per la salute e l’alimentazione derivanti dal consumo di frutta e verdura.
  2. Promuovere diete e stili di vita sani, diversificati ed equilibrati attraverso il consumo di frutta e verdura.
  3. Ridurre le perdite e gli sprechi nei sistemi alimentari basati sulla frutta e sulla verdura.
  4. Condividere le migliori pratiche riguardanti i seguenti aspetti:
    1. Una promozione del consumo e della produzione sostenibile di frutta e verdura che contribuisca ai sistemi alimentari sostenibili.
    2. Migliorare la sostenibilità di stoccaggio, trasporto, commercio, lavorazione, trasformazione, vendita al dettaglio, riduzione degli sprechi e riciclaggio, nonché le interazioni fra questi processi.
    3. Integrazione dei piccoli agricoltori, compresi gli agricoltori familiari, nelle catene di produzione locale, regionale e globale, e nelle catene di valore/fornitura per una produzione sostenibile di frutta e verdura, riconoscendo il contributo della frutta e della verdura, compresi gli ecotipi/le varietà locali, alla loro sicurezza alimentare, nutrizione, mezzi di sussistenza e redditi.
    4. Rafforzare la capacità di tutti i paesi, soprattutto di quelli in via di sviluppo, di adottare tecnologie e approcci innovativi nel combattere le perdite e gli sprechi di frutta e verdura.