FAO.org

Home > Sala stampa > Archivio notizie > Articoli per data > 2015

Archivio notizie 2015

Photo: ©FAO/Filippo Brasesco
In Etiopia, una cooperativa di donne è pronta ad entrare nel mercato internazionale grazie ad un progetto nato dalla partnership tra Eataly e la FAO.
25-02-2015
Photo: ©Ami Vitale
Riduce i rischi per la salute e per la sicurezza degli alimenti, semplifica la procedura per le donne dedite a questa attività
24-02-2015
Photo: "Scalloped hammerhead cocos" by Barry Peters` - 637943300305. Licensed under CC BY 2.0 via Wikimedia Commons - http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Scalloped_hammerhead_cocos.jpg#mediaviewer/File:Scalloped_hammerhead_cocos.jpg
Una rapida identificazione delle specie può aiutare a contrastare il commercio illegale di quelle protette
19-02-2015
Photo: ©FAO/Ami Vitale
Workshop presso la FAO 17-20 febbraio 2015
18-02-2015
Photo: ©FAO/Alessandra Benedetti
Con il suo tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” l’Expo universale offre l’opportunità di richiamare l’opinione pubblica sull’urgenza di mettere l’eliminazione della fame e la nutrizione al centro dell’agenda globale per lo sviluppo , ha detto il Direttore Generale della FAO José Graziano da Silva ai leader riuniti oggi a Milano.
7-02-2015
Photo: ©FAO/Marco Longari
L'indice dei prezzi alimentari della FAO ha continuato a calare nel mese di gennaio, registrando una media di 182,7 punti, vale a dire 1,9% al di sotto del livello del mese di dicembre 2014.
5-02-2015
Photo: ©AFP PHOTO/AMOS GUMULIRA’
Gli agricoltori del sud del Malawi necessitano urgentemente di sementi e di capi di bestiame dopo le intense inondazioni che hanno distrutto campi e case, trascinandosi via gli animali e colture, ponendo una seria minaccia alla sicurezza alimentare locale.
28-01-2015
Photo: ©FAO
Uno spot della FAO verrà mostrato in occasione della prossima Coppa d'Africa; il calcio vincente: una metafora per sconfiggere la fame in Africa entro il 2025.
16-01-2015
Photo: ©FAO/Giuseppe Bizzarri
Cala a dicembre l’Indice FAO dei Prezzi Alimentari dopo tre mesi di stabilità. L’ampia e costante disponibilità dell’offerta, scorte record, in combinazione con un dollaro forte e il calo del prezzo del petrolio hanno contribuito al declino.
8-01-2015
1